Bruno Magli, la Regione tenta il tutto per tutto


BOLOGNA, 12 OTT. 2011 – Nessuna disponibilità ad accettare che venga cancellata "un’impresa così importante per Bologna e per l’Emilia-Romagna, portandola a Milano e poi chissà". E’ netta la presa di posizione sullo stabilimento felsineo della Bruno Magli da parte dell’assessore regionale alle Attività Produttive, Gian carlo Muzzarelli."La situazione è difficile – ha replicato al consigliere dell’Idv Sandro Mandini in un’interrogazione a risposta immediata -: al Tavolo istituzionale abbiamo concordato di prendere più tempo rispetto a quello inizialmente previsto, per trovare soluzioni che garantiscano in primo luogo la piena occupazione dei lavoratori. A questo proposito, la riunione del Tavolo è convocata per martedì 25 ottobre". Ad ogni modo, ha aggiunto Muzzarelli, "noi non accettiamo che venga cancellata un’impresa così importante per Bologna e per l’Emilia-Romagna, portandola a Milano e poi chissà; così come non va bene la logica di chi si presenta e dice ‘io rispondo solo a Londra’.""Il nostro impegno – ha sottolineato ancora – è quello di approfondire ogni ipotesi di cassa integrazione e di riorganizzazioni produttive che possano rafforzare la produttività e la competitività dei prodotti Magli. Lo ripeto – ha concluso l’assessore – noi non ci arrendiamo all’idea di un abbandono repentino e di punto in bianco".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet