Brno: Lorenzo vince ancora, Rossi deludente quinto


DOMENICA 15 AGO 2010 – La gara più noiosa dell’anno si conclude come tutte le altre. La pausa estiva non ha infatti modificato gli equilibri della MotoGP: a Brno, in Repubblica Ceca, è sempre Jorge Lorenzo a farla da padrone, siglando la sua settima vittoria stagionale, cui vanno aggiunti tre secondi posti. Un ruolino di marcia impressionante, che lancia lo spagnolo verso il record assoluto di punti in una stagione.Brutti segnali arrivano invece da Valentino Rossi, che dopo le prove di venerdì e sabato sembrava in grado di lottare con i primi. Così non è stato: il Dottore, partito malissimo, non è riuscito a tenere il passo di Lorenzo e Pedrosa, e neanche dei primi inseguitori Stoner e Spies. Risultato: Valentino torna a casa con un mediocre 5° posto, nel weekend che segna l’ufficialità del suo passaggio alla Ducati dalla prossima stagione.LA GARA – Nessuna lotta, pochissimi sorpassi, moto distanti due o tre secondi l’una dall’altra: è allarme noia per la MotoGp. Jorge Lorenzo ci mette un solo giro a guadagnare la testa della corsa, che non abbandonerà più. Daniel Pedrosa riesce per due terzi di gara a tenere il suo passo, poi nel finale molla definitivamente la presa e si accontenta, come già avvenuto nelle gare precedenti, del secondo posto. Sul terzo gradino del podio sale Casey Stoner, in lotta per una parte della gara con l’ottimo Ben Spies, che si conferma un talento purissimo.Andrea Dovizioso, che girava su un passo simile a quello di Stoner,deve arrendersi al 4° giro a una caduta: il pilota romagnolo è comunque fortunato, perché la sua moto e lui stesso rimangono accasciati in pista per qualche terribile secondo, mentre altre tre moto lo schivano per un pelo.La gara di Valentino Rossi, che prometteva di poter tornare a lottare per la vittoria, è invece quantomai incolore. Partito malissimo, scivola subito dal quinto all’ottavo posto. Poi con una piccola rimonta sorpassa Colin Edwards e Nicky Hayden e si porta in sesta posizione, che con la caduta di Dovi diventa quinta, ma tutti quelli che lo precedono sono lontani e vanno comunque più forte di lui. Il quinto posto gli rimane dunque attaccato fino alla fine. Forse ci sarà bisogno ancora di qualche gara per rivedere il Dottore performante come un tempo.COSI ALL’ARRIVO – 1°Lorenzo, 2°Pedrosa, 3°Stoner, 4°Spies, 5°Rossi, 6°Hayden, 7°Edwards, 8°Melandri, 9°Barbera, 10°Simoncelli, 11°Espargaro, 12°De Angelis (ritirati Bautista, Kallio, Dovizioso e Capirossi)

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet