Brevini power transmission, fatturato a 300 milioni


Cogliere e sviluppare i segnali di ripresa che i mercati globali evidenziano per realizzare gli obiettivi fissati dal budget 2015 e dal piano industriale al 2017. E’ questa l’agenda di lavoro affidata all’amministratore delegato di Brevini Power Transmission Giuliano Spaggiari che prevede una svolta nella seconda metà del 2015 con andamenti positivi in diversi settori industriali dove i riduttori Brevini trovano applicazione. Brevini Power Transmission ha chiuso il 2014 con un fatturato di circa 305 milioni di euro (preconsuntivo). “E’ un dato sostanzialmente in linea con il 2013 – commenta Giuliano Spaggiari – e, considerando l’andamento non favorevole dei tassi di cambio medi delle valute dei Paesi dove Brevini Power Transmission opera, possiamo valutare positivamente il risultato ottenuto nell’anno appena concluso. La percentuale di fatturato che realizziamo sui mercati extra euro è infatti oltre il 50%”. Il primo trimestre 2015 per Brevini Power Transmission si è chiuso con un andamento sostanzialmente in linea con le previsioni di budget. “Il posizionamento che abbiamo sviluppato e consolidato in diversi settori industriali caratterizzati da andamenti ciclici – precisa Giuliano Spaggiari – crediamo  compenserà l’andamento non positivo di alcune aree di business importanti per Brevini Power Transmission come l’oil & gas, il minerario e il marino. Una fase di rallentamento già rilevata nel corso del 2014 che non crediamo cambierà nemmeno quest’anno. Già a partire dalla seconda metà del 2015 prevediamo una ripresa della domanda in altri settori trainanti, quindi rimaniamo positivi sulla previsione di chiusura a fine anno con un aumento del fatturato consolidato nell’ordine di una cifra percentuale rispetto al 2014”. La via maestra per il gruppo guidato da Renato Brevini rimane la ricerca della competitività attraverso il miglioramento continuo: “le priorità nella definizione della nostra agenda 2015 sono concentrate in due direzioni. La prima è focalizzata sulla ricerca continua dell’eccellenza nelle operations industriali. Il nostro piano di “continuous improvement” è la base del nostro processo di crescita profittevole. La seconda direzione è basata su nuovi investimenti in attività orientate alla crescita nel medio termine. Lavoriamo allo sviluppo di nuovi prodotti dedicati a settori trainanti come quello delle energie rinnovabili e in parallelo crescerà la nostra rete distributiva. Il primo step, nel corso del 2015, sarà l’apertura della 27esima filiale Brevini Power Transmission in Thailandia, abbinata a un potenziamento complessivo della forza vendita. Tra i target 2015 abbiamo inserito lo sviluppo di più forti relazioni con i più importanti utilizzatori OEM del mondo che nel medio termine potranno rivelare un’opportunità di crescita rilevante”. Brevini Power Transmission sta sviluppando attività di Service post vendita: “Intendiamo rispondere a un cambiamento importante nella domanda che ci arriva dalla nostra clientela – conclude Giuliano Spaggiari. – Brevini Power Transmission fornisce componenti che vengono installati su macchine e impianti che sono beni di investimento importanti, asset caratterizzati da lunga durata di esercizio. In questo settore la richiesta è sempre maggiormente orientata alla valutazione dei benefici in tutto il tempo di vita: in questa ottica Brevini può garantire un servizio di manutenzione capillarmente diffuso in 27 Paesi del mondo. Svilupperemo la nostra rete di service center che è in grado dare risposte estremamente efficaci in tempi brevi ai clienti quindi crediamo che il Service post vendita diventerà una linea di crescita rilevante nei prossimi anni”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet