Brevetti e marchi, a Modena superata la soglia dei 1200


MODENA, 21 MAR. 2013 – Nel 2012 nella provincia di Modena sono state complessivamente 330 le domande di invenzioni e 889 quelle relative ai marchi depositati presso la Camera di Commercio locale: di queste domande, andando ad analizzarne la categoria di iscrizione, si nota che sono 55 le domande di invenzione e 119 quelle di marchi che in qualche modo, direttamente o indirettamente, si possono ricollegare al settore della meccanica e della subfornitura. Questi i dati elaborati da Senaf, su base UIBM1, in occasione di MECSPE, la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione (Fiere di Parma, 21-23 marzo), manifestazione nata con l’obiettivo di promuovere ricerca e innovazione. Un patrimonio di conoscenze e tecnologie, dunque, quello che sarà al centro di MECSPE, e che le aziende devono imparare a difendere: proprio per questo, all’interno dei padiglioni del polo fieristico di Parma, sarà possibile trovare un’area dedicata alla tutela della proprietà industriale, dove consulenti specializzati in materia – tra cui Bugnion, CLG Italia studio legale tributario, Gregorj e Interpatent – daranno risposta a tutti i dubbi in materia di protezione e finanziamento delle idee.Tornando ai dati e confrontando i risultati conseguiti nella provincia nel corso del 2012, si nota come le domande di invenzioni depositate siano 330 contro le 336 del 2011, mentre quelle relative ai marchi sono state 889 nel 2012 contro le 966 del 2011. Guardando ai ‘numeri’ della meccanica, e alle domande di invenzioni depositate – per quanto riguarda categorie come le macchine e in particolare quelle utensili; le trasmissioni di potenza e la pneumatica-oleodinamica; le lavorazioni del ferro, delle leghe e dei metalli; la lavorazione delle materie plastiche; la fonderia e la logistica2 – si rileva come nel 2012 siano 55 contro le 99 del 2011, mentre per quanto riguarda i marchi nello scorso anno sono state depositate 119 richieste contro le 125 dell’anno precedente.Inoltre, spostandosi a livello regionale si vede come, guardando alla somma complessiva delle domande depositate nel corso dello scorso anno, nello specifico la classifica delle province della regione più creative dal punto di vista dei brevetti vede nell’ordine Bologna (716), Modena (330), Parma (97), Reggio nell’Emilia (95), Rimini (58), Piacenza (31), Ravenna (27), Forlì (23), Ferrara (15). Dal punto di vista dei marchi depositati, a guidare la classifica delle province con maggior ingegno Bologna (1696), Modena (889), Ravenna (494), Rimini (473), Ferrara (455), Reggio nell’Emilia (420), Forlì (298), Parma (281), Piacenza (206).Articolata in otto saloni tematici – per mostrare il meglio delle produzione in termini di meccanica di precisione, automazione, metrologia, logistica, stampi e stampaggio, lavorazione delle materie plastiche, trattamenti e finiture e subfornitura – MECSPE si caratterizza per la presenza di numerose aree dinamiche che esaltano la ricerca e la qualità della produttività italiane: le isole di lavorazione, con macchine funzionanti svilupperanno particolari temi di lavorazione nell’ambito delle materie plastiche e della meccanica, le Unità dimostrative dal Progetto all’Oggetto metteranno in scena la creazione di un oggetto originale dalla sua progettazione sino alla sua realizzazione, e le Piazze dell’eccellenza, spazi creati per esaltare l’expertise e la capacità di ‘fare ricerca’ del made in Italy. Inoltre, dato che investimenti in ricerca e innovazione sono i driver principali su cui le aziende devono puntare per la loro crescita e per competere sui mercati internazionali, MECSPE darà ampio spazio all’eccellenza produttiva e alla creazione di relazioni con buyer provenienti da Paesi europei ed extraeuropei, legati ai mercati emergenti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet