Bper-Federconsumatori,un accordo sulle controversie


BOLOGNA, 1 FEB. 2012 – Collaborano in modo proficuo ormai da anni, ma ora BPER e Federconsumatori hanno deciso di formalizzare il loro rapporto sottoscrivendo a Bologna un accordo che punta ad agevolare la risoluzione stragiudiziale delle controversie tra le banche del gruppo e i loro clienti. Problematiche relative a investimenti andati male, alla concessione di mutui o ai costi dei prestiti verranno sottoposti a una nuova e speciale procedura, nel caso in cui dopo aver presentato reclamo l’istituto di credito non fornisca risposte esaurienti. 

Il cliente insoddisfatto potrà infatti rivolgersi – in maniera completamente gratuita – a una Commissione paritetica, composta da un rappresentante della Banca Popolare dell’Emilia-Romagna e da uno di Federconsumatori, che prenderà in esame il suo caso. Entro 60 giorni gli presenterà una proposta conciliativa, vincolante per Bper, e lui potrà decidere se approvarla.

Federconsumatori ha apprezzato soprattutto la volontà di Bper di mettersi in discussione in nome di una maggiore trasparenza e di una più stretta relazione con la clientela, per quanto riguarda l’intera gamma di servizi e prodotti forniti. E sottolinea come, grazie a questo accordo, vengano finalmente messe sullo stesso piano la controparte forte e quella debole: banca e cliente avranno d’ora in poi la stessa possibilità di vedere riconosciuta la loro ragione dalla Commissione paritetica. Che formulerà un parere esaustivo e, nel caso, potrà arrivare anche a una soluzione concorsuale della controversia.

Cause e denunce nei confronti delle banche sono nettamente aumentate sull’onda dei grandi crac finanziari degli ultimi anni. E proprio per evitare lunghi strascichi giudiziari, il Gruppo Bper ha voluto mettere nero su bianco l’accordo con Federconsumatori, rendendolo così valido per tutte le sue agenzie e uffici. Una procedura considerata, anche a livello europeo, una delle più all’avanguardia nella tutela del consumatore.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet