BpER e Bei per settore agricolo e agroindustriale


Il Gruppo BPER e BEI (Banca Europea per gli Investimenti) ampliano la propria gamma di offerte finanziarie con un prodotto specifico per il settore agricolo e agroindustriale. Una novità assoluta, a conferma dell’azione congiunta sviluppata sul territorio a sostegno delle imprese italiane, che ha consentito di erogare nell’ultimo triennio oltre 400 milioni di euro. BPER Banca, Banco di Sardegna, Banca di Sassari e CR Bra hanno così sottoscritto un nuovo prestito di 100 milioni di euro da destinare alle imprese agricole e agroindustriali che operano nei rispettivi territori. Il nuovo prodotto è destinato a sostenere il fabbisogno finanziario delle piccole e medie imprese (massimo 250 dipendenti), mid-caps (massimo 3.000 dipendenti), consorzi agricoli e reti d’impresa, che promuovono progetti nei settori dell’agricoltura, dell’agroalimentare e correlati (forestale, pesca e produzione di prodotti alimentari). Si tratta di finanziamenti a medio-lungo termine il cui importo potrà raggiungere il 100% del costo di ciascun progetto, con un limite di 12,5 milioni di euro per singolo piano di lavoro. Gli investimenti immobiliari agroindustriali e agroturistici, di risparmio energetico e/o ambientali, che non potranno rappresentare più del 50% dell’importo del plafond, avranno una durata massima di 15 anni. E’ inoltre previsto il rimborso alla scadenza in un’unica soluzione dopo 3 o 7 anni dall’erogazione del finanziamento, ideale per i settori vitivinicolo e ortofrutticolo. “BPER Banca è il primo istituto di credito in Italia ad aver sottoscritto con BEI questo tipo di accordo – dichiara il Direttore Generale di BPER Banca, Fabrizio Togni – che rappresenta un importante strumento attraverso il quale le imprese del settore agricolo e agroindustriale potranno disporre della liquidità necessaria alla realizzazione dei propri progetti”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet