Bper e Arca insieme per i Pir


Bper Banca comunica la disponibilità nelle proprie filiali dei PIR (Piani Individuali di Risparmio) strumenti introdotti dalla Legge di stabilità 2017 che si caratterizzano per essere una forma di investimento a medio-lungo termine che permette ai risparmiatori di godere di importanti agevolazioni fiscali che si concretizzano nell’abbattimento della tassazione su capital gain, dividendi, successioni e donazioni. L’investitore – ricorda il gruppo – potrà ottenere questi vantaggi attraverso la presenza di tre requisiti: mantenere l’investimento in PIR per almeno 5 anni, destinare ai PIR fino a un massimo di 30.000 euro in un anno (complessivamente l’investimento in questo strumento non può superare i 150.000 euro) ed essere una persona fisica. “BPER Banca – precisa il Vice Direttore Generale e Chief Business Officer Pierpio Cerfogli – ha da sempre nella sua mission il sostegno all’economia reale del Paese, per questo abbiamo aderito con convinzione a questo strumento. Una proposta che consente di indirizzare la liquidità in mano alle famiglie italiane verso le aziende, in particolare le piccole e medie imprese, per aiutarle a stare al passo con la quarta rivoluzione industriale. I PIR sono uno strumento in grado di coniugare le esigenze delle imprese con quelle dei risparmiatori, veicolando le risorse delle famiglie sul made in Italy”. BPER si avvale della partnership con Arca Fondi SGR, che ha creato il fondo bilanciato Arca Economia Reale Bilanciato Italia.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet