Bper, conclusa cessione portafoglio di sofferenze


BPER Banca comunica di avere concluso l’operazione di cartolarizzazione di sofferenze “AQUI” in linea con quanto previsto nell’ambito della più ampia azione di derisking e miglioramento dell’asset quality del Gruppo BPER (“NPE Strategy 2018-2020”).

In particolare, è stato ceduto, con effetto economico dal 1° gennaio 2018, un portafoglio di sofferenze per un valore lordo contabile pari a € 1,9 miliardi (a fronte di un valore lordo esigibile di € 2,1 miliardi composto da crediti secured per il 59,5% e da crediti unsecured per il 40,5%) al veicolo di cartolarizzazione “AQUI SPV Srl” costituito ai sensi della Legge 130/99, con emissione, in contropartita, di tre differenti classi di titoli per un ammontare complessivo pari a € 618,4 milioni:

Come previsto dalla normativa relativa alla GACS, per ottenere il deconsolidamento degli assets trasferiti, il 95% delle tranche mezzanine e junior dovrà essere collocato presso investitori istituzionali: al termine di tale processo, il Gruppo BPER conseguirà la derecognition ai fini di vigilanza del portafoglio “AQUI”.

A seguito del deconsolidamento contabile del portafoglio “AQUI”, l’NPE ratio lordo pro-forma del Gruppo BPER sul dato del 30 giugno 2018 pari al 17,4% è stimato al 14,4% in riduzione di 3,0 p.p..

L’NPE Strategy 2018-2020 del Gruppo BPER prevede la cessione di sofferenze a livello di Gruppo per un ammontare lordo complessivo (“GBV”) compreso tra i € 3,5 e i € 4,0 miliardi nei 3 anni, di cui circa € 3,0 miliardi attraverso due operazioni di “securitization”. L’operazione di cessione “AQUI” conclusa oggi, completa il programma di cartolarizzazioni originariamente previsto dal piano e si aggiunge alla prima operazione “4Mori Sardegna”, per la quale è già stata ottenuta la garanzia statale GACS, finalizzata lo scorso giugno per un ammontare lordo di € 900 milioni (valore lordo esigibile pari a € 1,0 miliardo).

Nell’ambito dell’operazione “AQUI”, Mediobanca e J.P. Morgan hanno svolto il ruolo di Arranger, mentre Prelios Credit Servicing è stata nominata Master e Special Servicer.

La consulenza legale è stata affidata agli studi legali Chiomenti e Orrick, Herrington & Sutcliffe, rispettivamente per l’Arranger e per gli Originator.

Hanno collaborato all’operazione Securitisation Services, BNP Paribas Securities Services e Zenith Service.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet