Bper Banca e Awos supportano le imprese esportatrici


Oggi l’export continua a raggiungere nuovi e importanti record storici (450miliardi di euro nel 2017) e rappresenta una scelta obbligata per una buona fetta del sistema imprenditoriale italiano, che non può permettersi di non intercettare le opportunità derivanti dalla crescita del commercio mondiale. Le mutevoli condizioni geopolitiche su base planetaria e le scelte protezionistiche di alcuni Paesi contribuiscono a rendere lo scenario attuale molto complesso.

Proprio dall’analisi di questo contesto nasce l’accordo di collaborazione tra l’associazione no-profit AWOS (A World of Sanctions) e BPER Banca.
Con questa intesa, BPER e AWOS intendono offrire giornate di approfondimento e opportunità di confronto dedicate alle aziende che intendono affrontare i mercati esteri, con focus particolare rivolto alle aree sottoposte ad embarghi o a restrizioni alla movimentazione dei beni.
Inoltre, questa intesa ha la finalità di porre l’attenzione sulle best practice di mercato in termini di sistemi di export control ovvero dei controlli posti in essere dalle imprese per evitare violazioni in materia di operazioni di esportazione di prodotti e di tecnologie.

Il Gruppo BPER, che vanta una lunga tradizione in tema di supporto delle imprese nella gestione del business internazionale, da alcuni anni ha lanciato la piattaforma BPER Estero (www.bperestero.it) con l’obiettivo di ampliare e migliorare il supporto offerto alle imprese impegnate a crescere all’estero fornendo direttamente online le risorse e le informazioni utili per rendere più efficace e strutturata la strategia di espansione lontano dai nostri confini.

AWOS è il primo progetto italiano volto a seguire lo sviluppo dei principali regimi di sanzioni economiche internazionali, sia UE che extra UE. Una piattaforma integrata di relazioni, ricerca e analisi dedicata a questo tema di crescente rilevanza. AWOS, presieduta da Zeno Poggi, ha al suo interno un Comitato Scientifico, formato da professionisti specializzati sul settore industriale e bancario e rappresentanti delle autorità e dei ministeri italiani, che collaborano a stretto contatto con esperti provenienti dalla Commissione Europea e dell’agenzia governativa americana OFAC (Office of Foreign Assets Control).

Nicola Giorgi, Responsabile Servizio Global Transaction per il Gruppo BPER, ha dichiarato: “A tre anni di distanza dal primo convegno AWOS, siamo molto soddisfatti della collaborazione avviata perché consente alle aziende che si rivolgono al nostro Gruppo di percepire concretamente i benefici della consulenza personalizzata e altamente qualificata su temi talvolta sottovalutati: la questione delle sanzioni è diventata negli ultimi anni sempre più pervasiva e necessita di conoscenze approfondite per essere gestito conformemente alla normativa. Il nostro lavoro insieme a Zeno Poggi e ad AWOS è orientato proprio nella direzione di offrire il supporto migliore alle imprese”

“L’avvio di questa partnership con il sesto gruppo bancario in Italia – afferma Zeno Poggi – è per noi un motivo di orgoglio, a testimonianza del lavoro fatto in questi anni e del capitale reputazionale acquisito sul campo. Attraverso AWOS abbiamo creato un sistema di competenze in grado di trovare soluzioni concrete in modo specifico sul mondo delle sanzioni internazionali”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet