Bottura guarda all’Expo


“Una bottiglia di buon lambrusco sarà sempre una buon lambrusco, una crosta di parmigiano reggiano vale il caviale, i gourmet hanno mangiato ormai di tutto, bisogna farli emozionare”. Sono le parole dello chef Massimo Bottura che con piglio sicuro e passione parte dalla Carta Etica di Modena per allargare il pensiero alla cultura italiana nel mondo, cultura anche a tavola, soprattutto in vista dell’Expo 2015. “Si fa troppo poco per far conoscere la bellezza del nostro paese”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet