Bonifica renana investe 2,3 milioni


A Sasso Marconi, la Bonifica Renana ha presentato agli amministratori locali l’attività per la prevenzione del dissesto idrogeologico nelle aree collinari e montane del bacino del Reno. La Bonifica Renana nel 2014 risponde all’emergenza territoriale, dopo un inverno tragico, investendo in collina e in montagna il 33% in più rispetto all’anno precedente. La difesa del suolo e la prevenzione del dissesto, dopo un inverno come quello appena trascorso, è il primo punto all’ordine del giorno. La provincia di Bologna, infatti, presenta uno dei maggiori indici di franosità nell’ambito regionale con oltre 16 mila frane censite. Spiega Paolo Pini, illustrando le attività del Consorzio: “Nel 2013 abbiamo realizzato direttamente 130 sopralluoghi tecnici a situazioni critiche e realizzato 53 cantieri di intervento, cui si aggiunge l’attività di progettazione e direzione lavori per opere realizzate con fondi di terzi. Nell’ultimo quadriennio l’investimento medio annuale della Renana è stato di oltre 2,3 milioni di euro”. Per il 2014, il programma di opere del Consorzio comporta la realizzazione di 66 interventi e un investimento complessivo pari a 3,8 milioni di euro, con +33%

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet