Bonfiglioli fa partire i motori in Trentino


20 GIU. 2012 – Una trentina di ingegneri in Trentino. Non è un gioco di parole, ma quanto si propone di fare la Bonfiglioli Riduttori Spa in quel di Rovereto. Il suo centro di ricerche situato nel Polo Tecnologico della città oggi ha inaugurato l’avvio della parte produttiva e la previsione è di assumere da 25 a 30 giovani ricercatori. Le discipline di cui dovranno occuparsi sono l’elettronica e la meccanica.Più di un milione gli euro già investiti dalla società bolognese, parte dei quali utilizzati per l’acquisto di una Faessler, uno dei due modelli presenti in Italia di un sofisticato macchinario per lo sviluppo di riduttori a gioco ridotto di nuova generazione (TQ), che saranno totalmente progettati e prodotti nella sede di Rovereto. Il Bonfiglioli Mechatronic Research spa, così si chiama il centro ricerche aperto nel settembre scorso a Rovereto, "è una delle tante, importanti risposte concrete – ha sottolineato Lorenzo Dellai, presidente della Provincia autonoma di Trento – che il Trentino sta dando all’esigenza di rigenerare e riposizionare la propria industria. Non siamo mai stati folgorati sulla strada dell’astrattezza, dell’illusionismo economico, sappiamo che c’è bisogno di innovazione, ma l’innovazione deve tradursi nei fatti concreti che riguardano appunto la vita e l’opera delle imprese, delle famiglie, delle comunità".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet