Bologna, tornano a crescere i canoni d’affitto


Tornano a crescere i canoni di locazione in Italia. Dopo lo stallo del 2016 (-0,2%), i canoni delle abitazioni non arredate sono aumentati del 2,6% (+4,1% per le case arredate) con Cagliari (+12,0%), Genova (11,4%), Venezia (+9,1%) e Bologna, la cui crescita si attesta a +7,7%, che segnano gli incrementi maggiori e Catanzaro (-10,0%), Palermo (-7,2%), Perugia (-5,3%), Roma (-4,1%) e Firenze (-1,4%) in controtendenza. Lo dice il Rapporto sulle locazioni 2017 di Solo Affitti elaborato con il supporto scientifico di Nomisma. “Nel 2017 – ha detto Silvia Spronelli, presidente di Solo Affitti – il mercato delle locazioni ritorna più vivace e dinamico, con canoni in crescita soprattutto per monolocali, trilocali e quadrilocali (+2,8% ciascuno), anche se non in egual misura in tutte le città. Sotto il profilo fiscale, ormai oltre il 90% dei proprietari opta per la cedolare secca, prevalentemente associata (nel 64,5% dei casi) ai contratti a canone concordato”. In linea anche con la ripresa economica, a Milano i canoni di locazione sono cresciuti dello 0,8%, ma l’incremento arriva anche al +8% per le abitazioni arredate. Il capoluogo lombardo nel 2014 era stato il primo ad anticipare il trend al rialzo dei canoni (+6,7% sul 2013), proseguito anche nel 2015 (+2,4%) e 2016 (+1,7%). Di segno opposto l’andamento dei valori dei canoni nella Capitale; il segno meno è più marcato per gli immobili arredati (-5,5%). Dopo il calo dell’anno scorso (-5,4%), sono tornati a salire gli affitti anche a Bari (+8,3%). Allo stesso modo a Campobasso, dove lo scorso anno si era registrata una contrazione dei canoni del 4,9%, quest’anno si assiste a una decisa inversione di tendenza (+7,8%).

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet