Bologna: l’Italia dei Valori punta al vicesindaco. “Siamo al 10%”


BOLOGNA, 7 MAR. 2009 – L’Italia dei Valori sarà leale verso Flavio Delbono e il Pd, "l’unico alleato in cui ci riconosciamo", e non esiterà a chiedere posti di governo, a partire dal vicesindaco, se i risultati elettorali confermeranno "i sondaggi che ci dicono che stiamo volando". E’ la posizione dei dipietristi in vista delle amministrative di giugno espressa dalla leader regionale Silvana Mura durante il congresso cittadino che nel pomeriggio eleggerà il nuovo responsabile bolognese del partito. "L’Idv – ha spiegato Mura – darà il suo contributo soprattutto su sicurezza, commercio, degrado e politiche giovanili, riprendendo in mano piazza Verdi". D’altronde, nella sua relazione, la parlamentare aveva esortato "a tornare a parlare di Bologna città capitale", rimarcando che la missione dell’Italia dei Valori sarà "di essere garanti degli anticorpi contro l’immobilismo dei partiti del nord e di una rinnovata coerenza al governo della città". "Il nostro – ha continuato – "è un contributo fondamentale per vincere al primo turno: il finto civico Cazzola e il candidato di monsignor Casini Guazzaloca devono essere mandati a casa subito". In caso di ballottaggio, infatti, secondo la Mura si assisterebbe "ai ladri di Pisa che prima litigano e poi si spartiscono il bottino". Da un sondaggio interno, ha rivelato, "l’Italia dei Valori sta volando". Le cifre parlerebbero, infatti, di oltre il 10%, un dato che, se confermato dalle urne in buona parte, farà chiedere all’Idv la poltrona di vicesindaco "e spero anche qualcosa di più". D’altronde, ha spiegato la Mura, "abbiamo uomini capaci di governare", tra cui "parecchi non legati alla politica, ma provenienti dalla società civile".LA RISPOSTA DEL PD"Le giunte le scelgono Delbono e la Draghetti, ma posso dire che la classe dirigente dell’Idv può dare un apporto importante al governo locale". Parole del segretario provinciale del Partito Democratico Andrea De Maria, a margine del congresso cittadino dell’Italia dei Valori. "Anche noi avremo proposte da avanzare quando si tratterà di comporre le squadre di governo", ha aggiunto De Maria. Ad ascoltare i dipietristi, oltre a De Maria, per il Pd c’erano anche il candidato a sindaco Flavio Delbono e il coordinatore cittadino Maurizio Degli Esposti, e tutti e tre sono intervenuti dal palco. Delbono ha messo l’accento sulla "seria e concreta convergenza con l’Idv" e ha ribadito che "le azioni da svolgere saranno due: promuovere una cultura di sicurezza e legalità ad ogni livello e la consapevolezza di agire in modo determinato contro la crisi". Secondo De Maria, "si conferma che l’alleanza è solida, mossa da un percorso programmatico comune che si è sviluppato nel tempo". Per il segretario bolognese del Pd si tratta di "un rapporto non episodico, ma costruito su un tavolo comune".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet