Bologna capitale del turismo responsabile


BOLOGNA, 16 GIU. 2009 – Proposte di turismo responsabile, laboratori, minitour, mostre, concerti, eventi di incontro e confronto per riflettere in chiave critica sul concetto di viaggio, sulle migrazioni come fenomeno globale, sugli squilibri e le disuguaglianze del mondo. E’ questo il ricco e ambizioso programma della prima edizione di ÎT.A.CA’, il festival sul turismo responsabile promosso da Yoda, COSPE e Nexus E-R, che si terrà a Bologna il 26, 27 e 28 giugno.Oltre che sull’idea del viaggio come semplice vacanza, trasgressione e svago, in questa tre-giorni si rifletterà sulla sfida, il rischio e il desiderio di conoscenza e scoperta del mondo vicino e lontano da casa, rimanendo rigorosamente al di fuori delle rotte di turismo di massa. In dialetto bolognese, infatti, ît a cà vuol dire sei a casa?, e l’espressione è stata scelta come titolo dell’evento proprio per sottolineare che il viaggio responsabile parte da casa e arriva a casa e che più della meta conta il percorso e il modo in cui ci si mette in cammino.Durante le 3 giornate del festival saranno organizzate 20 visite guidate, pensate per tutte le età, alla scoperta dei lati meno conosciuti di Bologna e dintorni: vecchie botteghe e antichi mestieri, sotterranei e rovine romane, fattorie didattiche e gite nei parchi regionali saranno la cornice a mostre, concerti ed eventi sul turismo responsabile.Si comincia la sera di venerdì 26 giugno con una cena a tema, seguita da proiezioni e concerto, presso il Centro Anziani G.Costa in via Azzo Gardino 48. Sabato 27 e domenica 28, invece, la sede principale delle iniziative sarà il Giardino Lorusso (Ex Bestial Market) di via Berti 2/3 – via dello Scalo 21, dove sarà possibile partecipare ad alcuni laboratori e visitare una vera biblioteca vivente.Il programma dettagliato del festival è disponibile sul sito www.gruppoyoda.org, dove si potranno anche prenotare le visite guidate. E per qualsiasi altra informazione, c’è il blog di www.crossmode.it, che è il media partner del progetto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet