Bologna calcio, i Menarini dicono addio


BOLOGNA, 21 GIU. 2010 – Rivoluzione in vista in casa rossoblu. La voce era già nell’aria, ma la stagione incolore appena conclusa – e condita dalle dai crescenti malumori dei tifosi – ha probabilmente dato un’ulteriore accellerata alle trattative. Ora si può dire con sicurezza che Bologna calcio sta per passare di mano. I Menarini hanno deciso di fare un passo indietro e lo rendono noto attraverso Aktiva Spa, la società che detiene il 100% delle quote del club e che fa capo alla famiglia.In un comunicato apparso nel pomeriggio sul sito rossoblu, Aktiva ha fatto sapere "di aver raggiunto un accordo di massima con il dott. Sergio Porcedda per la cessione dell’80% delle quote". Le due parti "hanno dato mandato ai propri consulenti di redigere i necessari accordi contrattuali in vista dellacessione che verrà formalizzata non prima dei prossimi 15 giorni".Subito dopo arrivano anche i primi commenti dell’attuale allenatore del Bologna Franco Colomba, che considera questo accordo di massima "un passo avanti". Il tecnico rossoblu non sembra sosrpreso di questa cessione, che arriva dopo soli due anni dal rilevamento della società da parte dei Menarini. Colomba dice che la volontà di lasciare era già uscita l’anno scorso e che al momento bisogna rispettare questa decisione perchè non ci sono alternative. E a chi gli chiedeva notizie sul suo futuro alla luce del passaggio di mano, il mister ha risposto di essere tranquillo.Il regno dei Menarini su Bologna sembra dunque al tramonto. Nelle prossime settimane si conosceranno gli sviluppi dell’accordo con Porcedda. Ma non si può fare a meno di notare che l’annuncio di un imminente addio è stato dato proprio nel giorno in cui il geometra Renzo e sua figlia Francesca sono stati squalificati dalla commissione disciplinare per tre mesi e la società si trova costretta a pagare una multa di 15.000 euro. Tutto questo per via dei rapporti intrapresi con Luciano Moggi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet