Bologna alle urne: alle 12 aveva votato il 13,75%


BOLOGNA, 15 MAG 2011 – E’ infine arrivato il giorno della verità per Bologna: dopo oltre un anno di commissariamento, tra oggi e domani si sceglierà il nuovo sindaco, sempre che non sia necessario un ballottaggio. Proprio questo è il quesito principale: ci sarà bisogno del secondo turno, oppure Virginio Merola, dato per favorito in questa consultazione, riuscirà a strappare il 50%+1 dei consensi già domani sera?AFFLUENZA – Secondo i dati del Viminale, a Bologna per le Comunali aveva votato alle ore 12 il 13,75% degli aventi diritto. Il raffronto con il dato del 2009 (28,4%) è però impossibile: nelle precedenti consultazioni si poteva votare già sabato pomeriggio. Rispetto agli altri capoluoghi di regione interessati da questa tornata elettorale, a Bologna l’affluenza è nella media. Fanno meglio Catanzaro (16,44%) e Cagliari (13,82%), mentre va peggio a Torino (12.83), Milano (12.16), Trieste (13.18) e Napoli (12.19).POLITICI AL VOTO – Flavia e Romano Prodi hanno votato questa mattina alle 10,30 presso il seggio del liceo Galvani in via Castiglione. All’uscita del seggio, l’ex premier ha commentato: "E’ importante non disperdere il voto". Anche il candidato sindaco del centrosinistra, Virginio Merola, ha votato in mattinata. Assenti, per motivi diversi, i suoi due principali avversari. Il candidato civico sostenuto dal Terzo Polo Stefano Aldrovandi voterà domani, per avere il tempo di riprendersi da un attacco febbrile. Il leghista Manes Bernardini invece non voterà affatto, essendo residente nel Comune di Casalecchio.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet