Bologna, 93enne muore in seguito ad aggressione


BOLOGNA, 12 AGO. 2009 – Dopo due giorni di coma è morto all’ospedale maggiore di Bologna Dante Pettazzoni, 93enne, storico capostazione di Crevalcore aggredito e rapianto in strada nella prima periferia della città mentre stava andando a trovare la sorella. L’anziano è stato colpito alle spalle da uno sconosciuto che lo ha colpito alla testa e lo ha scaraventato a terra rubandogli il portafogli. Al momento dei soccorsi l’anziano era cosciente ma le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate tanto da entrare in coma.Dopo l’aggressione la vittima era riuscita – hanno riferito i carabinieri – a dare una descrizione del rapinatore, che potrebbe essere un nordafricano di corporatura normale. Nella zona dell’aggressione, in via Inviti all’angolo con via Zanardi, davanti alla chiesa di Maria Regina Mundi, non ci sono telecamere, né è stato possibile per ora rintracciare testimoni. Il pm Elisabetta Melotti ha aperto un fascicolo contro ignoti, per i reati di omicidio volontario e rapina. Il sindaco di Bologna Flavio Delbono ha espresso la propria vicinanza alla famiglia di Dante Pettazzoni. "Si tratta di un atto pessimo – ha detto – che ha colpito un uomo anziano venuto in città per incontrare i suoi cari. Ma è anche la conferma di come non si debba mai abbassare la guardia sul delicato tema della sicurezza. Come sindaco di Bologna non smetterò mai di chiedere che siano stanziate tutte le risorse necessarie per garantire la sicurezza dei cittadini".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet