BO17/2/2011 Tommasi, Presidente del Gruppo Hera, Manager Utility dell’anno


BOLOGNA 17 FEBBRAIO Il Presidente di Hera Tomaso Tommasi di Vignano è stato insignito questa mattina a Milano del premio “Manager Utility dell’anno 2010” (settore Ambiente), dalla rivista “Management delle Utilities”, testata leader in Italia nel settore dei servizi di pubblica utilità, diretta dal Prof. Andrea Gilardoni, docente di Economia e Gestione delle Imprese all’Università Bocconi di Milano. La motivazione della candidatura e del Premio derivano dallo “sviluppo equilibrato e continuo di Hera, azienda leader in Italia nei settori ambientali”.Tommasi, alla guida di Hera dal 2002, ha guidato il processo di quotazione in Borsa e del successivo consolidamento del Gruppo attraverso l’ingresso di altre multiutilities locali. Nell’ambito di tale percorso di crescita ininterrotta Hera si è affermata quale primo operatore italiano nel settore Ambiente (raccolta e smaltimento rifiuti), anche attraverso la controllata Herambiente, con oltre 5 milioni di tonnellate di rifiuti trattati. Herambiente, con una dotazione di 77 impianti, fra discariche, termovalorizzatori, impianti di recupero della differenziata, impianti di compostaggio, selezione e trattamento chimico-fisico, serve le province di Bologna, Modena, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro-Urbino, oltre ad alcuni comuni della provincia di Firenze. Nel corso del 2010 la raccolta differenziata del Gruppo si è attestata al 48%, con l’obiettivo di raggiungere il 54% al 2014. Di tale raccolta differenziata, ben il 91% è stato effettivamente avviato a recupero. Nel 2010 il recupero energetico derivante dal trattamento rifiuti è stato realizzato grazie a un sistema di impianti per una potenza installata di circa 110 MW, con l’obiettivo di raggiungere i 153 MW entro il 2014.Nel corso del 2010, Herambiente ha visto l’ingresso nel proprio capitale di Ambiente Arancione Cooperatief U.A., società controllata dal Fondo inglese Eiser Infrastructure Ltd., realtà europea di primaria importanza che accompagnerà la Società nel suo ulteriore percorso di crescita, in un’ottica d’investimento di medio/lungo periodo.I premi sono assegnati attraverso una votazione segreta in cui l’elettorato attivo è costituito dai componenti dei Comitati Scientifici e d’Onore della Rivista Management delle Utilities. Di tali fanno parte autorevolissimi docenti e esponenti del mondo delle Utilities.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet