Logistica: Aster Coop, approvato il bilancio 2012


BOLOGNA 9 LUGLIO 914 dipendenti, tutti soci lavoratori, in crescita di 172 unità (+23,18%) sul 2011; un fatturato che passa dai 33.184.075 euro del 2011 ai 35.406.922 euro del 2012 (+6,7%), 16 magazzini gestiti in quattro regioni (Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Veneto), 14 dei quali in conto terzi in appalto genuino diretto e 2 di proprietà, un patrimonio che sfiora i 6 milioni di euro: sono queste alcune delle cifre che emergono dal bilancio consuntivo di Aster Coop, la cooperativa della logistica nata e con sede legale a Udine che quest’anno festeggia i 25 anni di attività.«In un comparto, quello della logistica, dove sono fiorite tante imprese che di cooperativo hanno solo la ragione sociale e che, di fatto, fanno solo intermediazione di manodopera – osserva il presidente di Aster Coop, Livio Nanino –, la nostra realtà dimostra che si può, anzi, si deve agire in modo opposto scommettendo sulla qualità, la formazione del personale, l’innovazione tecnologica. E i nostri clienti ne hanno tratto giovamento sia in termini reputazionali, sia, grazie al nostro patrimonio di competenze, per quanto riguarda i costi. Legalità e rispetto dei diritti giovano a tutti i soggetti della filiera perché spingono a contenere i costi attraverso l’innovazione, la sicurezza sul posto di lavoro, la motivazione e le competenze».Nel corso del 2012 Aster Coop ha sviluppato 16,56 milioni di euro di fatturato in Friuli Venezia Giulia, 10,171 milioni di euro in Emilia-Romagna (dove, da dicembre 2012, ha acquisito anche la gestione del magazzino di Centrale Adriatica di Anzola dell’Emilia), 7,235 milioni di euro in Veneto e 0,552 milioni di euro in Lombardia.Le perdite, coperte con riserve accantonate negli anni precedenti, sono state contenute in 143.000 euro, in calo di quasi l’80% sul 2011, quando il bilancio chiuse con 682.000 euro di perdita.«Nel corso del 2012 – spiega Carlo Dileo, vicepresidente di Aster Coop – sono stati portati a termine tutti i progetti previsti nei reparti in sede di budget. Il risultato è stato un progressivo miglioramento dei parametri produttivi ed economici che hanno visto il ritorno dell’azienda a marginalità positiva, a partire dal terzo trimestre. Non è stato sufficiente per raggiungere l’equilibrio di bilancio, anche se l’obiettivo è stato mancato di poco. Tuttavia, già i dati del primo trimestre 2013 delineano un progresso sul margine lordo sullo stesso periodo dell’anno scorso per oltre 400mila euro».Per quanto riguarda il budget 2013, Aster Coop prevede una ulteriore crescita del fatturato che dovrebbe toccare i 38,842 milioni con un incremento sul 2012 che sfiora il 10% e un risultato di bilancio positivo per circa 600.000 euro. Aster Coop opera prevalentemente nelle regioni del Nord Italia; nel 2001 ha acquisito il controllo di Friularchivi S.r.l., azienda di gestione degli archivi, e della Madimer Friuli S.r.l., che rappresenta una piattaforma distributiva per la Regione Friuli Venezia Giulia.Nel 1998 ottiene la certificazione UNI EN ISO 9002:1994; nel 2003 ottiene l’adeguamento alla nuova norma UNI EN ISO 9001:2000 e a settembre 2007 ha ottenuto la certificazione anche nel settore alimentare e dei trasporti.Nel 2007 ha ricevuto due importanti riconoscimenti per essersi distinta come Azienda Modello per la Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro: è stata premiata dall’INAIL del Veneto e dall’Unindustria di Treviso per avere ottenuto la certificazione per la Sicurezza sul Lavoro dopo aver seguito e completato un progetto denominato “Lavoro Sicuro”; l’INAIL del Friuli Venezia Giulia le ha riconosciuto un altrettanto importante riconoscimento per la Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro, consegnando una Targa per Menzione Speciale.Aster Coop fornisce in Italia il proprio servizio di gestione dei magazzini ad alcuni tra i maggiori gruppi industriali del settore elettrodomestico, metalmeccanico – siderurgico, della chimica, della carta, del legno, dell’alimentare e della grande distribuzione organizzata

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet