buon bilancio per la datalogic


BOLOGNA 9 MARZO – Il Consiglio di Amministrazione di Datalogic S.p.A. (Borsa Italiana S.p.A.: DAL), società quotata presso il Mercato Telematico Azionario – Segmento Star – organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (“Datalogic”) e leader nel mercato dei lettori di codici a barre, di mobile computer per la raccolta dati, di sistemi a tecnologia RFID e visione, ha approvato in data odierna il progetto di bilancio civilistico e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2011.Il 2011 evidenzia il miglior risultato di sempre sia in termini di ricavi che di profitto e conferma la validità delle scelte strategiche adottate negli ultimi due anni: l’utile netto consolidato cresce del 44% circa a 25,9 milioni di Euro rispetto ai 18 milioni di Euro conseguiti nel 2010. Tale risultato appare ancor più significativo considerando che include oneri di natura non ricorrente per un totale di circa 12 milioni di Euro relativi alla realizzazione della nuova Supply Chain del segmento ADC (Automatic Data Capture) e alle acquisizioni di PPT Vision e Accu-Sort Systems, quest’ultima perfezionata nel mese di gennaio 2012.L’Amministratore Delegato di Datalogic, Mauro Sacchetto, ha così commentato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti nel 2011, in assoluto i migliori conseguiti dal Gruppo, anche considerato che sono stati ottenuti in un contesto economico ancora incerto e sono stati realizzati progetti strategici di gestione interna. Il 2012 sarà un anno importante caratterizzato dall’integrazione operativa delle nuove aziende acquisite necessaria per supportare la crescita globale del Gruppo e garantire una presenza internazionale più bilanciata.Nel 2012 continueremo a migliorare la presenza nei Paesi ad alto valore aggiunto e maturi come Usa e Europa, dove negli ultimi anni abbiamo guadagnato quote di mercato, e punteremo a crescere maggiormente nell’area BRICS.Sottolineo infine che le novità introdotte nell’anno passato non hanno comunque rallentato la capacità di crescita organica del Gruppo, come testimoniano i brillanti risultati conseguiti, che rimane la base strategica su cui costruire l’espansione futura”.Nel 2011 i ricavi delle vendite si attestano a 425,5 milioni di Euro in crescita dell’8,3% rispetto ai 392,7 milioni di Euro dell’esercizio precedente. A cambi Euro/Dollaro costanti l’aumento, rispetto all’esercizio precedente, sarebbe stato dell’11%.Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è salito a 59,2 milioni di Euro in crescita del 19% rispetto ai 49,8 milioni di Euro del 2010 e con una incidenza sui ricavi (EBITDA margin) che ha raggiunto il 13,9% rispetto al 12,7% dell’esercizio precedente. Tale risultato comprende costi operativi per 150,2 milioni di Euro, in crescita del 4,9% rispetto ai 143,2 milioni di Euro nel 2010.Tali costi includono oneri non ricorrenti relativi all’acquisizione di PPT Vision e Accu-Sort Systems per 1,7 milioni di Euro e relativi alla nuova Supply Chain del segmento ADC per 1,9 milioni di Euro. Tale progetto, che ha permesso di integrare tutti i processi di Operations (produzione e logistica) della Datalogic Scanning e della Datalogic Mobile, ora riunite nell’unica divisione ADC (Automatic Data Capture), ha comportato inoltre oneri straordinari per 8,4 milioni di Euro.Questa nuova architettura delle Operations a livello internazionale assicurerà un più alto livello di produttività industriale e permetterà di cogliere tutte le opportunità di crescita grazie al potenziamento dello stabilimento in Vietnam, con 14 linee di prodotto attive, e oltre 500 dipendenti a fine 2011.I costi relativi alla Ricerca e Sviluppo risultano pari a 26,2 milioni di Euro con un’ incidenza del 6,2% circa sul fatturato.L’EBITANR† si attesta a 48,8 milioni di Euro rispetto ai 38,1 milioni di Euro registrati nel 2010.Gli oneri finanziari si attestano a 6,9 milioni di Euro rispetto a 6,7 milioni di Euro nel 2010 mentre si registrano utili su cambi pari a 3,3 milioni di Euro rispetto a una perdita su cambi di 0,2 milioni di Euro nell’esercizio precedente. Dopo imposte pari a 7,3 milioni di Euro rispetto a 10,2 milioni di Euro del 2010, l’utile netto si attesta a 25,9 milioni di Euro rispetto ai 18 milioni di Euro conseguita nell’esercizio precedente.La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2011 evidenzia un ulteriore miglioramento attestandosi a -59,4 milioni di Euro rispetto ai -76,5 milioni di Euro al 31 dicembre 2010, grazie all’elevata generazione di cassa avvenuta nel corso dell’esercizio e nonostante l’acquisizione di PPT Vision avvenuta nel mese di dicembre che ha comportato un esborso pari a 4,1 milioni di Euro. In particolare si evidenzia l’elevata generazione di cash flow operativo pari a 68,5 milioni di Euro derivante dal buon andamento della redditività operativa.Il capitale circolante netto è pari a 29,8 milioni di Euro al 31 dicembre 2011 in aumento di 2,6 milioni di Euro rispetto all’esercizio precedente.Anche il quarto trimestre dell’esercizio conferma il trend positivo con ricavi delle vendite in aumento a 108,2 milioni di Euro (+6,6% rispetto al quarto trimestre 2010), L’EBITANR in crescita del 3% a 8,2 milioni di Euro e l’utile netto più che raddoppiato a 8,7 milioni di Euro rispetto al quarto trimestre 2010. Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) in calo del 2,8% a 10,6 milioni di Euro risente invece dell’impatto dei costi di natura non ricorrente, pari a 1,8 milioni di Euro, relativi alle acquisizioni realizzate nell’ultimo trimestre dell’anno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet