Nomisma: Modiano chiama l’economista Sergio De Nardis


Bologna, 7 aprile Alla crescente complessità degli scenari economici – complicati dalla crisi in atto nel mediterraneo e dalle conseguenze del terremoto in Giappone – Nomisma reagisce potenziando la struttura con l’ingresso dell’economista Sergio De Nardis, che ha lasciato l’Istat per assumere il ruolo di chief economist di Nomisma. De Nardis lavorerà in maniera trasversale alle diverse aree di ricerca, con la missione di focalizzare i fenomeni macroeconomici legati agli scenari internazionali e gli effetti sulle economie reali e sulle imprese. <>.Uno dei temi che De Nardis dovrà affrontare è proprio quello delle ricadute sui nostri mercati della crisi nordafricana e della catastrofe giapponese. In collaborazione con il generale Giuseppe Cucchi, direttore dell’Osservatorio Scenari Strategici e di Sicurezza (OSSS) di Nomisma, e con i responsabili delle aree di ricerca – in particolare Luigi Scarola per Imprese e sviluppo dei territori, Denis Pantini per l’agroalimentare e Luca Dondi dall’Orologio che ha da poco assunto la guida del settore immobiliare – sarà definito il piano di lavoro su cui saranno impegnati i team trasversali alle diverse aree.<>.L’attività di De Nardis intersecherà quindi le diverse aree di ricerca su cui è storicamente focalizzata Nomisma – agroalimentare, industria, public utilities, sviluppo dei territori, sistema creditizio, immigrazione, ecc – per dare risposte sempre più precise alla domanda di conoscenza espressa da imprese ed enti impegnati a progettare il proprio futuro, tra lentezza della ripresa e incertezza degli scenari.L’ingresso del chief economist nell’organico di vertice di Nomisma è avvenuto contestualmente alla formalizzazione dell’incarico a Luca Dondi di responsabile dell’area real estate.* * *Sergio De Nardis, economista e docente universitario, prima di assumere l’incarico di chief economist in Nomisma, è stato direttore dell’unità di ricerca “Macroeconomia” dell’Isae/Istat (2001-2011) e del Centro Studi di Confindustria (1991-2000). Fin dall’inizio della sua carriera, che lo ha visto ricercatore all’Isco (Istituto di studi della congiuntura), ha sempre affiancato all’attività manageriale l’impegno accademico, prima presso l’Università di Urbino, poi alla Luiss-Guido Carli. Sergio De Nardis è autore di numerose pubblicazioni e di contributi apparsi sulle più importanti testate economiche.——

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet