IMA: siglato accordo per l’acquisizione di una partecipazione nel Gruppo ILAPAK


BOLOGNA 7 FEBBRAIO IMA ha sottoscritto, nella tarda serata di ieri, con Transworld Packaging Holding B.V. ed i suoi azionisti un accordo di investimento, soggetto a condizioni sospensive, per l’ingresso con una quota del 40 per cento nel Gruppo ILAPAK, che produce macchine confezionatrici per il packaging primario nel settore food con utilizzo di materiale flessibile – flowpack sia orizzontali che verticali. Grazie a questa alleanza IMA e ILAPAK potranno godere di significative sinergie che favoriranno la crescita di entrambe le realtà aziendali.La perdurante crisi di questi anni e la rivalutazione del Franco Svizzero (stante la prevalente presenza produttiva in Svizzera) hanno reso necessaria una ricapitalizzazione della controllata svizzera ILAPAK International S.A., principale realtà operativa del Gruppo ILAPAK.L’operazione ipotizzata prevede un intervento finanziario complessivo di IMA, tra apporto di equity e sottoscrizione di un prestito obbligazionario convertibile, di 9 milioni di euro in Transworld Packaging Holding B.V. che, a sua volta, capitalizzerebbe la controllata svizzera ILAPAK International S.A. per un pari importo. Al perfezionamento dell’operazione IMA acquisirà una quota pari al 40 per cento del capitale della società capogruppo, Transworld Packaging Holding B.V., con la possibilità di accrescere la propria partecipazione fino al 51 per cento tramite la conversione del predetto prestito obbligazionario. Viene inoltre concessa ad IMA una opzione di acquisto di ulteriori azioni Transworld per giungere a detenere fino all’80 per cento del capitale del Gruppo ILAPAK, con possibilità, in tale caso, per l’attuale socio di maggioranza, di richiedere ad IMA l’estensione dell’esercizio dell’opzione all’intero capitale. E’ inoltre prevista la sottoscrizione tra le parti di un patto parasociale per disciplinare la governance del Gruppo.L’ingresso di IMA nel capitale di Transworld Packaging Holding B.V. è sospensivamente condizionato all’ottenimento del nulla osta delle competenti autorità antitrust ed alla verifica dell’intervenuta ricapitalizzazione della società ILAPAK International S.A. da parte delle competenti autorità elvetiche.Il Gruppo ILAPAK ha realizzato nel 2012 un fatturato consolidato di circa 84 milioni di euro e presenta un portafoglio ordini dinamico ed una significativa presenza sul mercato. Il business plan del Gruppo ILAPAK, che tiene conto degli interventi di riorganizzazione produttiva e del supporto complessivo che IMA potrà fornire alla società tramite l’integrazione della stessa nell’organizzazione di gruppo, con particolare riferimento alla filiera produttiva, prevede il raggiungimento di un livello di redditività in linea con il settore. Nel commentare l’operazione Alberto Vacchi, Presidente e Amministratore Delegato di IMA, ha dichiarato: “Siamo soddisfatti dell’intesa perfezionatasi in data odierna con la famiglia Levy, considerato il forte interesse di IMA per il Gruppo ILAPAK, complementare alla nostra presenza nel settore alimentare. Siamo confidenti – ha proseguito il Presidente di IMA – che supportato dalle nostre strutture, in primis produttive, il Gruppo ILAPAK sia in grado di tornare rapidamente al livello di redditività che gli compete, stante la pluridecennale posizione di leadership sul mercato. Siamo altresì compiaciuti di avviare una collaborazione con la famiglia Levy, presente da oltre 40 anni sul mercato del packaging primario nel settore food, in cui IMA si è di recente impegnata in modo significativo e con importanti risultati. E’ sicuramente nostro interesse – ha concluso il Presidente di IMA – capitalizzare le esperienze dei nostri nuovi partner.”A tale riguardo il fondatore di ILAPAK, Roger Levy, ha dichiarato: “ILAPAK è da tempo alla ricerca di un partner strategico con una forte competenza nel confezionamento al fine di condividere un importante momento di svolta nella nostra crescita. Siamo orgogliosi di lavorare con IMA e siamo convinti che la stessa rappresenti il miglior partner per intraprendere questa nuova fase di crescita, nella quale ILAPAK introdurrà sul mercato nuove tecnologie ed innovative soluzioni di confezionamento, rafforzando ulteriormente la sua posizione di leadership a livello mondiale”.Nell’operazione sopra descritta IMA si è avvalsa della consulenza di Poggi&Associati, Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners e Deloitte, mentre il Gruppo ILAPAK è stato assistito dallo studio legale d’Urso Gatti Bianchi; Altium Capital, guidata in Italia dal partner Carlo Dawan, ha introdotto IMA ed assistito la famiglia Levy e ILAPAK nell’operazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet