Hera al top in Italia per comunicazione web a dipendenti e candidati


BOLOGNA 6 NOVEMBRE Il Gruppo Hera ha vinto il Lundquist Employer Branding Online Awards di quest’anno: una sorta di Oscar che premia l’azienda che su 100 società italiane (quotate e non) ha la migliore capacità attrattiva per potenziali candidati in quanto datore di lavoro. In sostanza, viene riconosciuto il pregio di una sezione online che, oltre alle offerte di lavoro, comunica anche il mondo dell’azienda, la visione , gli obiettivi che vuole realizzare all’interno dell’organizzazione e le modalitá di sviluppo, formazione e gestione dei propri dipendenti. L’idea di fondo è che chi cerca lavoro oggi non si accontenta più solo della mera offerta o di informazioni stringate, ma vuole conoscere da vicino l’azienda e avere la possibilità di interagire con gli eventuali datori di lavoro.Il premio, giunto quest’anno alla seconda edizione, viene assegnato dalla società di consulenza Lundquist, che ha svolto una ricerca seguendo un protocollo di 57 parametri e passando in rassegna le maggiori imprese italiane. Hera si è classificata al primo posto con un punteggio di 79,25 su 100, staccando di 5 punti Telecom Italia (72) e lasciando al terzo posto Eni (57,25). La media italiana si ferma al palo: solo 28 punti. Segno che nel paese le offerte di lavoro e le informazioni sulla vita aziendale circolano ancora per la maggior parte “off line” e poco sul web, dove c’è maggiore trasparenza. Ottima comunicazione e responsabilità etica e sociale: la motivazione del premioNell’edizione 2011 Hera si era classificata ‘solo’ al quarto posto, motivo per cui quest’anno si è aggiudicata anche la menzione di “Best Improver”, cioè la società che ha avuto il miglioramento più deciso rispetto agli altri. Per gli esperti di Lundquist, come si legge nella motivazione del premio, la multiutility ha soddisfatto pienamente tutti i requisiti di valutazione sulla comunicazione delle informazioni utili a capire cosa significa lavorare in Hera: organizzazione, aree di business, opportunità, percorsi di carriera, coerenza con valori etici e responsabilità sociale in azienda. In tema di Employer Branding (che è la reputazione che il datore di lavoro si crea sul web presso i candidati), tra i 57 criteri usati per stilare la classifica ci sono l’esaustività della sezione, l’integrazione con rapidi link alle altre sezioni del sito (Responsabilità Sociale e Corporate Governance, per esempio), la facilità d’uso per l’utente, l’attrattività con contenuti multimediali, la concretezza e la specificità nell’individuare un target di riferimento. ‘Lavorare nel Gruppo’: una sezione utile e di facile comprensioneL’analisi Lundquist si è focalizzata in particolare sulla sezione del sito ‘Lavorare nel Gruppo’ (http://www.gruppohera.it/gruppo/lavorare_gruppohera/), accessibile anche da dispositivi mobili (smartphone o tablet). Presa in considerazione anche la pagina aziendale di Linkedin, il social network dedicato al mondo del lavoro. Si tratta di una porta aperta sul mondo della multiutility emiliano-romagnola che, oltre a segnalare ricerche per eventuali posizioni aperte, permette di familiarizzare con l’azienda e avere un’informazione completa anche su offerte di stage, percorsi di formazione o convenzioni con le università. Per esempio, si può interagire col sito, con giochi a quiz per scoprire il grado di compatibilità con un’azienda impegnata a 360 gradi sulla sostenibilità, o farsi un’idea riguardo a politiche di retribuzione, contratti, formazione lavorativa oppure valutare le modalità offerte da Hera per facilitare l’equilibrio tra vita privata e carriera professionale e puó scoprire anche elementi legati alla sfera “personale” dei dipendenti grazie al video “passioni”.Campri: “un forte impegno per comunicare i nostri valori”“Questo premio è il riconoscimento dell’impegno profuso nel tempo da Hera per comunicare nel modo migliore con lavoratori già attivi e potenziali, sia su web che su altri canali”, spiega Giancarlo Campri, Direttore Centrale Personale e Organizzazione Hera. “Questo lavoro, che senz’altro ha positive ripercussioni anche sull’immagine, viene quindi svolto con l’obiettivo di trasmettere sia all’esterno che all’interno i valori su cui si fonda l’azienda: orientamento all’eccellenza, centralità della persona, spirito di squadra, attenzione alla sostenibilità. Siamo certi che questo non solo contribuisca a orientare le scelte di chi si candida per posizioni presso di noi, ma contribuisca a rafforzare il senso di appartenenza di tutto il personale già dipendente”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet