Fs: punta all’Interporto di Bologna


BOLOGNA 5 GIUGNO-Fs si rafforza nella logistica e punta al controllo dell’Interporto di Bologna, uno dei piu’ grandi d’Italia.Comune (35,1% delle azioni) e Provincia (17,5%) che controllano la struttura, scrive MF, hanno deciso di fare cassa per rimpinguare i propri esausti bilanci e hanno messo sul mercato le quote. “La cessione”, spiega la vicesindaco, Silvia Giannini, “avverra’ prima dell’aumento di capitale a titolo oneroso previsto per la societa’ Interporto” da 10 milioni. “La decisione dell’aumento di capitale”, afferma Alessandro Ricci, presidente di Interporto, “e’ stata determinata dell’opportunita’ di attribuire al patrimonio il giusto valore per consentire al nodo bolognese di proporsi al mercato in maniera adeguata”. Al di la’ della valutazione del pacchetto azionario in vendita (una trentina di milioni al netto dell’aumento di capitale) a Comune e Provincia interessano garanzie sullo sviluppo della struttura. Per questo l’offerta delle Fs sarebbe in vantaggio rispetto ad altre, anche estere, arrivate al Comune, che aveva indetto una gara prevedendone la conclusione il 26 giugno. Poi pero’ e’ arrivata la decisione di vendita da parte della Provincia. Le due amministrazioni non si erano parlate, ognuna era andata per conto suo. E ora Comune e Provincia stanno predisponendo un altro bando congiunto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet