AL VIA LA PARTNERSHIP TRA GAMMARAD ITALIA E BIO-ON


BOLOGNA 5 GIUGNO – Gammarad Italia, tra i più importanti e completi centri europei di irraggiamento per la sterilizzazione dei prodotti in outsourcing e bio-on, Intellectual Property Company, hanno firmato un accordo di collaborazione per lo sviluppo di un’attività di Ricerca&Sviluppo per valutare gli effetti del trattamento di sterilizzazione su un nuovo materiale in bioplastica. Le ricerche, che dureranno circa 12 mesi, hanno lo scopo di valutare la possibilità da parte di Gammarad Italia di sterilizzare, con i raggi gamma, un nuovo materiale brevettato da bio-on, in partnership con Coprob e ricavato dai residui della produzione di zucchero da barbabietola (il PHA, sigla che sta per “poliidrossialcanoati”). Gammarad Italia e bio-on metteranno a disposizione un team dedicato a questa attività e avvieranno una stretta collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia. I raggi gamma sono onde elettromagnetiche ad alta energia, della stessa natura della luce e dei raggi X, che attraversano la materia abbattendo o distruggendo la carica microbica senza lasciare alcun residuo, senza alterazioni e senza alcun aumento della temperatura. La tecnologia dei raggi gamma emessi dal Cobalto-60 (Co60) è conosciuta e sfruttata a livello industriale da più di 50 anni per diversi scopi applicativi. Gammarad Italia la utilizza per la sanificazione, la sterilizzazione e la chimica dell’irraggiamento. Massimiliano Magagnoli – Presidente di Gammarad Italia – ha dichiarato: “Siamo soddisfatti di questo accordo di collaborazione che ci permette di avviare ricerche approfondite per allargare i nostri confini operativi su nuovi e avveniristici materiali e migliorare cosi la sicurezza e la tutela ambientale. Mi permetto infine di sottolineare con orgoglio la vicinanza geografica delle due aziende e delle partnership con un Istituto Universitario emiliano-romagnolo, un segnale evidente del dinamismo che ancora pervade il nostro territorio e dell’impegno continuo ad effettuare investimenti, in particolare investimenti in R&D”. “La bioplastica che abbiamo brevettato ha caratteristiche eccezionali – spiega Marco Astorri, Amministratore delegato di bio-on – può sostituire gran parte dei materiali plastici oggi in commercio con il vantaggio di essere biodegradabile anche in acqua al 100%. I test che abbiamo avviato con Gammarad Italia saranno utili per potere estendere la gamma dei settori che potranno utilizzare la nostra bio plastica. E’ partita la grande sfida per sostituire la plastica tradizionale anche nel settore bio medicale, più vicino alle persone. Il nostro bio polimero ha enormi possibilità di utilizzo in quest’area a differenza della maggior parte dei bio polimeri presenti oggi sul mercato, che non possono essere impiegati per limitate caratteristiche meccaniche e fisiche”. Gammarad ItaliaNata nel 1969 a Minerbio (BO), grazie all’intuizione di un gruppo di imprenditori attenti all’evoluzione tecnologica, Gammarad Italia oggi rappresenta uno dei più completi e versatili centri europei di irraggiamento per la sterilizzazione dei prodotti in outsourcing. Gammarad Italia è autorizzata dal Ministero della Salute alla sterilizzazione di sostanze attive/eccipienti ad uso veterinario (conformità alle Norme di Buona Fabbricazione/GMP); e dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) come Officina Farmaceutica per la sterilizzazione di materie prime e specialità medicinali (conformità alle GMP); Gammarad Italia è inoltre accreditata in Giappone presso l’Healt, Labour and Welfare Ministry; nel Regno Unito presso l’HMRA, Medicines and Healtcare products Regulatory Agency; negli USA presso l’FDA, U.S.Food and Drug Administration. (www.gammarad.it) bio-onbio-on nasce nel 2007 per operare nel settore delle moderne Biotecnologie applicate ai materiali di uso comune con lo scopo di dare vita a prodotti, impianti e soluzioni completamente naturali, al 100% ottenuti da fonti rinnovabili o residui della lavorazione agricola. bio-on ha realizzato la tecnologia per produrre la nuova rivoluzionaria bio plastica PHAs, biodegradabile naturalmente in acqua al 100% e ottenuta dai residui di produzione dello zucchero da barbabietola e canna. Un prodotto che non richiede l’utilizzo di solventi organici, è completamente biodegradabile in terra e acqua e possiede prestazioni eccezionali.bio-on ha sede a San Giorgio di Piano, a pochi chilometri da Bologna. bio-on aiuterà le persone a comprendere meglio i valori dell’innovazione realizzata da ricercatori e progettisti internazionali. Un nuovo tipo di bio-polimero, per sostituire la plastica conosciuta, senza nessun compromesso nelle prestazioni e nella sua versatilità. Biodegradabilità in acqua e compostaggio, un ciclo di produzione naturale senza l’utilizzo di solventi organici. www.bio-on.it CoprobCOPROB associa oltre 5.550 aziende agricole in Emilia-Romagna e in Veneto e, con due stabilimenti attivi a Minerbio (BO) e a Pontelongo (PD), è leader nazionale nella produzione bieticolo-saccarifera. Una produzione di 284.000 tonnellate di zucchero garantisce un fatturato pari a 340 milioni di euro (dati 2012). Attraverso la marca Italia Zuccheri, che commercializza l’unico zucchero certificato 100% italiano, il Gruppo COPROB detiene una quota del mercato nazionale pari al 22%.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet