Unindustria porta a Bologna Porsche Akademie


BOLOGNA 31 GENNAIO L’ottimizzazione dei processi, a partire da produzione e logistica, è un fattore importante per il successo di un’azienda ed è per questo che va crescendo l’attenzione verso le metodologie “lean production” (produzione snella), ovvero la filosofia industriale che mira a ridurre gli sprechi.Ma che cosa è veramente la “produzione snella”? Come si può ottenerla in modo semplice e veloce? Come si possono semplificare processi complicati, riducendone i costi aggiuntivi?Per avviare con le imprese un approfondimento su questi temi, il Settore Metalmeccanico di Unindustria Bologna ha invitato la prestigiosa Porsche Akademie, la prima scuola mondiale in materia di sistemi di produzione “lean”, in grado di proporre le soluzioni sviluppate da Porsche Consulting e applicate con successo alla Porsche AG e presso altri clienti.Vale la pena rilevare che la prestigiosa casa di Stoccarda è leader mondiale della cosiddetta “lean production” e Porsche Akademie ne è la più autorevole interprete. Il programma formativo è stato presentato da Porsche Akademie ad un qualificato gruppo di imprese – guidate da Sonia Bonfiglioli, Presidente del Settore Metalmeccanico di Unindustria Bologna – presso la sede della Fondazione Aldini Valeriani.L’iniziativa messa a punto dal Settore Metalmeccanico di Unindustria Bologna si articola in incontri seminariali che affrontano fondamenti, metodi e strutture per la creazione e ottimizzazione dei processi di produzione. Si va dal just in time con i suoi 4 principi (flusso, cadenza, pull, 0 errori) destinati ad aumentare l’efficienza dei processi di produzione e logistica, ai principi base del Kaizen, il metodo giapponese del miglioramento continuo per l’ottimizzazione dei processi. Si imparerà come eliminare il Muda (lo spreco) e come raggiungere la massima creazione di valore.Tutto nel modo più veloce, attraverso una metodologia che si avvale di lezioni teoriche ma anche di applicazioni pratiche nella “fabbrica modello”, come ad esempio la simulazione dell’assemblaggio di un camion, senza escludere la possibilità di una visita benchmark ad uno degli stabilimenti produttivi di Porsche AG.I seminari si rivolgono al top management e ai responsabili di ottimizzazione dei processi delle imprese e hanno come docenti i consulenti di Porsche Consulting, che vantano una vasta esperienza sul campo nell’introduzione dei principi lean presso numerose aziende.Gli imprenditori hanno già avuto un “assaggio” di tutto questo nel primo incontro alla Fondazione Aldini Valeriani, quando essi stessi, divisi in piccoli gruppi, hanno sperimentato le “filosofie” Porsche simulando le diverse fasi di un ciclo produttivo (dal magazzino al pre-assemblaggio dei componenti, all’assemblaggio finale ed al successivo controllo qualità), valutando i progressi in termini di tempi di attraversamento, giacenze, spazio, output, produttività.Con l’occasione la Cassa di Risparmio di Cento, da sempre sponsor del Settore metalmeccanico di Unindustria Bologna, ha messo a disposizione 30 borse di studio per le imprese che parteciperanno ai corsi della Porsche Akademie.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet