CIRIO PROTAGONISTA DEL MEETING DEI PRESIDENTI EUROPEI DELLA WACS (WORLD ASSOCIATION OF CHEF SOCIETIES)


BOLOGNA 29 APRILE Positivo debutto di Cirio – marchio storico del made in Italy alimentare che fa capo a Conserve Italia e neo-sponsor della F.I.C., Federazione Italiana Cuochi – nel gotha della cucina professionale internazionale in occasione del “Meeting dei Presidenti Europei della WACS” (World Association of Chef Societies) che dal 20 al 22 aprile 2013 ha riunito ad Abano Terme (PD) i rappresentanti di una trentina di associazioni nazionali di riferimento degli chef del vecchio continente, oltre ai membri del board mondiale.Nella splendida cornice dello storico Hotel Trieste&Victoria, la presenza di Cirio si è distinta, sia in termini di proposta gastronomica, sia in termini comunicazionali. Nel corso dei lavori congressuali, infatti, Cirio ha rappresentato ancora una volta l’eccellenza delle materie prime e dei prodotti finiti, che rappresentano oggi l’emblema del miglior “made in Italy” alimentare, catalizzando l’attenzione delle delegazioni internazionali presenti sulla recente collaborazione avviata con la F.I.C. e finalizzata alla promozione della grande cucina italiana nel mondo.“Con la presentazione di alcuni corner grafici e di un video, oltre all’esposizione dei prodotti dell’intero range, all’offerta dell’aperitivo Bloody Mary logato Cirio e di un cadeau a tutte le delegazioni internazionali – afferma Sandra Sangiuolo, responsabile marketing Cirio International – abbiamo vissuto il meeting della WACS come un’importante opportunità per presentare il nostro brand ad una qualificata selezione di organizzazioni gastronomiche internazionali, che potranno esserci di prezioso supporto per lo sviluppo del marchio Cirio all’estero”.“Con la sua full immersion nel mondo della cucina di 30 paesi – precisa Cesare Concilio, direttore commerciale export di Conserve Italia – il meeting di Abano si colloca perfettamente all’interno della nostra strategia di promozione internazionale che punta ad ampliare ed a valorizzare gli spazi di mercato del segmento FoodService”. Nel corso del meeting sono stati anche presentati i programmi e le iniziative che la WACS, attraverso le sue associazioni nazionali, promuoverà a livello comunitario. “Per la Federazione Italiana Cuochi – ha rilevato il presidente F.I.C. Paolo Caldana – si è trattato di un evento importante, soprattutto in vista dei prossimi appuntamenti previsti in Italia a livello europeo e mondiale per assicurare al nostro paese il ruolo che merita nell’organizzazione mondiale dei cuochi”. La conferenza dei presidenti europei WACS si è confermata, ancora una volta, un significativo momento di confronto sullo sviluppo futuro della cucina continentale, sui nuovi scenari da consegnare agli chef professionisti di tutta Europa e sul ruolo dei giovani anche in riferimento al ruolo formativo degli istituti professionali italiani che vanno uniformati a quelli europei.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet