Cefla è fornitore nel nuovo Palacongressi di Rimini


imola 27 ottobre La spettacolare “conchiglia” in vetro che caratterizza il nuovo Palacongressi di Rimini è già destinata a diventare un’icona della vivace cittadina adriatica, ma le dimensioni, la ricettività, le dotazioni tecnologiche e i servizi offerti ne fanno il polo congressuale più importante d’Italia e certamente uno dei più rappresentativi in tutta Europa. Cefla, grazie alle ottime sinergie tra le attività del Gruppo ha fornito la sofisticata impiantistica speciale ad uso congressuale opera della Divisione Impianti e tutti gli arredi su misura, le pareti mobili e le boiserie grazie all’apporto della Divisione Zenith Shop Design. “Per Cefla è un onore avere contribuito, con le sue competenze made in Italy, alla realizzazione di questo complesso dal respiro internazionale” ha dichiarato lo scorso 15 ottobre Giovanni Antonelli, Presidente del Gruppo Cefla, in occasione dell’inaugurazione ufficiale del nuovo Palacongressi di Rimini che sorge su un’area di 38.000 mq, la stessa che fino al 2001 è stata sede del vecchio quartiere fieristico. La struttura La conchiglia rivestita in vetro che sovrasta l’ingresso, elemento distintivo del complesso, ospita la sala anfiteatro da 1600 posti. In totale il Palacongressi ospita 39 sale modulari di capienza diversa (9.000 sedute); la sala principale Piazza può ospitare 4.700 ospiti e sono inoltre previsti 11.000 mq di aree espositive, spazi destinati a servizi, esercizi commerciali, ristorazione e uffici.Flessibilità d’utilizzo con possibilità di ospitare numerosi eventi in contemporanea, modularità degli spazi congressuali ed espositivi, ottima dotazione di parcheggi interrati, forte attenzione per l’ambiente: sono le peculiarità principali del Palacongressi di Rimini che si articola su 29.000 mq di superficie calpestabile.La struttura, caratterizzata all’esterno dalla forte presenza del vetro che dona un’immagine di leggerezza e trasparenza, si articola in due corpi principali collegati da un importante sistema di foyer con relativi servizi e da tre ingressi illuminati con luce naturale.
 Gli interni All’interno dell’ingresso principale una grande perla in granito fa da contrappunto alla spettacolare conchiglia in vetro che domina l’esterno. Grazie a un meccanismo con cuscinetti ad acqua la perla, che ha un diametro di 2 metri e pesa 16 tonnellate, può ruotare sul basamento con la semplice pressione della mano.Il primo corpo, che ospita l’ingresso principale, è composto da due piani e ha un’altezza di 23 metri. Al piano terra è ubicato il grande foyer (circa 4.000 mq), rivolto in direzione mare, nel quale è possibile anche organizzare eventi. Ci sono inoltre altre due sale modulari, rispettivamente da 600 e da 450 posti, ciascuna suddivisibile in due, nonché una sala da 300 posti e tre breakout rooms. Al primo piano (a quota 7,35 mt) si trova la scenografica conchiglia-anfiteatro da 1.600 posti con poltrone fisse, suddivisibile in due sale da 800 sedute. Il secondo corpo (lungo 70 m e largo 68, h 12 m), è collegato al primo corpo tramite il foyer; contiene la sala principale (4.754 mq, 4.700 posti) a sua volta suddivisibile (attraverso pareti mobili e isolate acusticamente) fino a otto sale diverse e autonome tra loro. Il ruolo importante di Cefla Il know how di Cefla e soprattutto le sinergie possibili tra le divisioni del Gruppo, hanno reso possibile, in tempi brevi, forniture estremamente complesse e a elevate prestazioni: non solo gli arredi su disegno e segnaletica realizzati da Zenith Shop Design ma anche la progettazione integrata degli impianti congressuali ad alta tecnologia ad opera della divisione Cefla Impianti. Alta tecnologia fornita da Cefla Impianti “L’aspetto principale nel progetto esecutivo, nella realizzazione e nella fornitura di tutta l’impiantistica congressuale del Palacongressi non è stato solo quello di coordinare in modo integrato gli aspetti strutturali e tecnologici tenendo conto della massima flessibilità, ma anche quello di operare in una prospettiva a medio-lungo termine – dichiara Michele Cimatti, responsabile lavori per Cefla Impianti- gli impianti sono infatti predisposti tenendo conto delle possibili evoluzioni a livello gestionale e, a livello tecnologico, degli upgrade futuri”. La complessità dell’intervento si può dedurre dall’articolato sistema di impianti ad opera di Cefla soprattutto in considerazione della spiccata modularità e flessibilità che caratterizza il Palacongressi: impianto audio-video, traduzione simultanea, diffusione sonora (microfoni, mixer, casse, ecc), videoproiezione (videoproiettore, schermi video e telecamere, ecc.), regia, meccanica di scena (americane, traverse, ecc.), luci di scena. Opere di interior e industrial design fornite da Zenith Shop Design Di primo piano anche il contributo di Zenith Shop Design – altro marchio del Gruppo Cefla- capace di connotare gli ambienti con un’estetica fatta di qualità del dettaglio e di elevate performance che garantiscono estrema flessibilità livelli prestazionali fuori dal comune in termini di sicurezza, resistenza, acustica, resistenza al fuoco, “Il nostro compito non è stato puramente esecutivo, ma abbiamo avuto l’opportunità di collaborare in modo propositivo. – racconta Mario De Santis, Capo Commessa di Zenith Shop Design- Partendo dal progetto di interior design elaborato da Studio GMP e sempre interfacciandoci con i progettisti e con ila committenza, abbiamo elaborato soluzioni per ridurre i costi, per ottimizzare le risorse e per adattarci agli imprevisti sorti in fase d’opera. Abbiamo vinto questa commessa perché siamo stati considerati affidabili e credo di poter affermare che la fiducia che è stata posta nei nostri confronti non sia stata disattesa. Si è trattato di una fornitura estremamente complessa, sia in termini gestionali che tecnici, ma il successo più grande per noi è quello di avere soddisfatto le esigenze di un progettista di livello mondiale e di una committenza che ha puntato sulla Qualità”. Un’elegante boiserie, realizzata con pannelli di legno in essenza di faggio, riveste tutte le sale del Palacongressi, la Sala della Piazza e la spettacolare Sala Anfiteatro.Il rivestimento ligneo non ha solo una funzione estetica ma, grazie alle prestazioni di fonoasorbenza, ha un ruolo basilare nella definizione del comfort acustico degli ambienti interni. Grande attenzione all’aspetto acustico è stato dato anche alle pareti manovrabili che, tramite un ingegnoso sistema, permettono la suddivisione modulare delle sale; in questo caso alle prestazioni di fonoassorbenza si aggiungono anche quelle di fonoisolamento per garantire la perfetta tenuta acustica dei diversi ambienti. Zenith Shop Design ha fornito anche tutti gli arredi: i banconi reception, sempre in legno faggio listellare, i numerosi banchetti reception, sempre in faggio, amovibili mediante un sistema di ruote a scomparsa.Sempre in faggio sono tutti i banchi dei relatori all’interno delle sale; le aree bar con i relativi banconi delimitate da pareti mobili in legno scorrevoli su binari a soffitto.Degna di nota è anche l’area bistrot dove, oltre a tutti i banconi bar e self service, sono stati forniti i rivestimenti in vetro e la futuristica parete richiudibile in vetro, realizzata con lo stesso meccanismo di quelle in legno, che campeggia sul fondo. La stessa cura e le stesse finiture in legno di faggio si ritrovano, per mantenere la coerenza estetica del progetto, anche nei guardaroba dislocati nei diversi punti della struttura, arredati con banconi, arricchite da totem in vetro illuminati da corpi al neon e dotati sistema di grucce numerate.Gli equipaggiamenti interni realizzati su disegno, includono anche gli arredi dei bagni: specchiere, arredi in quarzo ricomposto e vetro stratificato, temperato in colore verde. La fornitura di Zenith Shop Design si completa con il sistema di segnaletica, inteso come elegante segno distintivo di comunicazione verso il pubblico.All’esterno, sia nel parco che nel piazzale prospiciente l’ingresso, sono stati forniti totem per l’indicazione delle varie aree, realizzati in vetro stratificato e temprato accoppiato. Il colore verde del vetro è coordinato con tutti gli elementi di segnaletica presenti all’interno del Palacongressi.Sulle facciate esterne della struttura è stato fornito un sistema di strutture per l’alloggiamento di teli temporanei, facilmente amovibili, dedicati alla comunicazione delle differenti manifestazioni. La segnaletica all’interno dell’edificio prevede i totem, realizzati con la stessa tecnica di quelli esterni e anche totem tecnologici con schermi video integrati, forniti dalla divisione Cefla Impianti. Questo dettaglio è anche un’ulteriore dimostrazione di quell’elemento fondamentale che ha reso possibile questa imponente fornitura in tempi rapidi; di quell’ elemento che anche il Presidente di Cefla, Giovanni Antonelli, è fiero di poter considerare un “plus” ineguagliabile: la forte sinergia tra le spiccate professionalità delle varie divisioni del Gruppo Cefla. Cefla, con un fatturato consolidato di oltre 300 milioni di euro, è un gruppo in continua evoluzione, attivo su quattro aree di mercato: Arredamenti per punti vendita, Sistemi di verniciatura, Impiantistica civile e industriale e Apparecchiature dentali.La sede di Imola si estende su una superficie coperta di oltre 110.000 mq e tutto il gruppo conta circa 1500 dipendenti. La solidità del Gruppo è rafforzata da alcune caratteristiche che l’accompagnano fin dalla sua fondazione: visione strategica e di pianificazione a lungo termine; forte diversificazione di prodotto; forza patrimoniale e finanziaria.
Per il futuro Cefla è impegnata a consolidare una posizione di rilevanza internazionale in ciascuna delle aree di business in cui opera.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet