un’analisi condotta da Ria Grant Thornton- EMILIA ROMAGNA: TRE AZIENDE SU CINQUE HANNO INDEBITAMENTO INFERIORE AL PATRIMONIO NETTO


BOLOGNA 6 MARZO Da una ricerca elaborata da RIA Grant Thornton – società indipendente a capitale interamente italiano, leader nella revisione e organizzazione contabile e member firm italiana di Grant Thornton International – condotta su un campione di 7.000 Imprese emilliano-romagnole con un fatturato superiore ai 5 milioni di euro, emerge che tre Aziende su cinque (pari al 64% del totale) hanno un livello di indebitamento inferiore ai mezzi propri.Un dato molto positivo – che fotografa una situazione economicamente sostenibile di quelle Aziende, i cui mezzi propri sono in grado di coprire l’indebitamento – che evidenzia come la maggior parte delle PMI emiliano romagnole siano riuscite a creare valore e innovazione nonostante una congiuntura economica non favorevole.Proprio per enfatizzare i risultati eccellenti delle Aziende che hanno saputo affrontare la crisi economica, garantendo la crescita e il mantenimento di positivi indicatori economici, RIA Grant Thornton lancia la quarta edizione del premio “Le Tigri”: riconoscimento realizzato con il contributo del Banco Popolare e Quaeryon, che vede il supporto scientifico di Cerif – Centro di Ricerca sulle Imprese di Famiglia dell’Università Cattolica, Fondazione CUOA e Kilometro Rosso, aperto a tutte le PMI italiane, società di capitali e gruppi non quotati, con un fatturato superiore ai 10 milioni di euro.Nel dettaglio, l’analisi condotta sui bilanci 2011 delle circa 7 mila Aziende (fonte AIDA), ha evidenziato che ben il 64% delle Aziende ha un livello di indebitamento inferiore a 1 – denotando quindi come i mezzi propri siano superiori alla leva finanziaria – mentre il residuo 36% presenta un indice di indebitamento superiore a 1: di questi l’11% mostra un indice tra 1 e 2 e solo il 25% delle aziende del campione presenta un indice superiore a 2, livello che potrebbe rappresentare un primo sintomo di squilibrio finanziario.Nella classifica per Provincia delle aziende virtuose, sul podio troviamo Bologna che vanta il 70% di aziende con un indice inferiore a 1, seguita da Ravenna e Reggio Emilia (65%), Parma (64%), Modena (63%), Rimini (62%), Ferrara (61%), Forlì-Cesena e Piacenza (58%).“Dall’analisi emerge una fotografia molto buona della situazione patrimoniale delle Aziende emiliane – dichiara Silvia Fiesoli, partner RIA Grant Thornton – che hanno saputo rispondere alla crisi con coraggio e passione, identificando innovative soluzioni strategiche, che hanno consentito a queste Imprese di crescere e affermarsi. A tutte loro è rivolto il nostro invito a candidarsi alla quarta edizione del premio “Le Tigri”.” Un ulteriore elemento di analisi emerge dalla stratificazione dell’indice in relazione alle fasce di fatturato delle Aziende del campione: lo studio mostra come il livello di indebitamento sia inversamente proporzionale al fatturato; le ragioni di questo fenomeno sono molteplici, è infatti da considerare la “normale” sottocapitalizzazione delle imprese di medio-piccole dimensioni, maggiormente dipendenti dal settore creditizio. Occorre anche considerare che l’utilizzo della leva finanziaria, in un contesto di mercato di basso costo del denaro, può essere letta anche in senso positivo, cioè come un fenomeno grazie al quale le Aziende possono accrescere la redditività del capitale proprio. ***Il premio “Le Tigri”La candidatura è rivolta alle società di capitali e/o gruppi non quotati che negli ultimi due esercizi (2012 e 2011) abbiano conseguito indicatori economici di bilancio positivi (margine operativo lordo, risultato ante imposte, risultato netto) e che non siano state oggetto nel medesimo periodo a procedure concorsuali e/o ristrutturazioni che abbiamo comportato l’utilizzo di strumenti quali la CIGS. AdesioneLa partecipazione all’iniziativa è gratuita.Le schede di adesione sono disponibili e scaricabili dal sito www.premioletigri.com o dal sito www.ria-grantthornton.it e potranno essere compilate direttamente online oppure inviate a mezzo posta alla Segreteria Nazionale del Premio presso RIA Grant Thornton Spa, Via Revere, 16 – Milano entro il 15 maggio 2013 alla attenzione della Dott.ssa Katia Guglielmetti. Sono previsti un vincitore assoluto e cinque finalisti. La cerimonia di consegna del Premio si terrà nel mese di giugno 2013. La Giuria del premio è composta dal presidente Prof. Andrea Amaduzzi, ordinario di Economia Aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e dai membri: Enzo Argante, giornalista e Presidente del Premio Aretè per la comunicazione responsabile promosso da Confindustria e Abi; Federico Baldeschi-Oddi, Argis – Associazione di Ricerca per la Governance dell’Impresa Sociale; Francesco Gatto, Fondazione CUOA; Peter Lettenmayer, Storico delle relazioni industriali; Marco Santi, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Eutimio Tiliacos, Director of ANESTI LIMITED UK; Maurizio Trombetta, Presidente di Mit.Fin S.p.A.; Francesca Cristina, Vice-Presidente di CRS S.p.A. (vincitrice del Premio le Tigri – Edizione 2011); Fabio Chiesa, Direttore Generale di Smi S.p.A. (vincitrice del Premio Le Tigri – Edizione 2010); Isabella Manfredi, Global Sustainability Manager – Gruppo Feralpi S.p.A.; Diego Breviario, Ricercatore Emerito – CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet