Unicredit rilancio il consiglio territoriale emilia romagna


bologna 25 marzo Unicredit dà il via al Consiglio di Territorio Emilia-Romagna, nuovo organo consultivo che ha l’obiettivo di rafforzare il rapporto della banca con la comunità locale. Oggi a Bologna, a Palazzo Magnani, la prima riunione del Consiglio nato con l’obiettivo di individuare i fattori di successo e i nodi critici della regione e le sue opportunità di crescita e sviluppo, agendo come laboratorio di idee per la condivisione di esperienze tra i diversi protagonisti del territorio e per la promozione di nuove iniziative.Presidente è Andrea Babbi, amministratore delegato di Apt Servizi Srl Emilia-Romagna. Il Consiglio è composto anche da membri individuati tra gli esponenti di spicco della realtà economica e sociale della regione (imprenditori e manager di riferimento del mercato locale ed esponenti di realtà socio-economiche di rilievo, rappresentanti delle associazioni imprenditoriali e/o di categoria, rappresentanti delle Autonomie Funzionali, esponenti dell’associazionismo e del volontariato, opinion leader ed esponenti del mondo della cultura). «Il Consiglio di Territorio – spiega Babbi – è chiamato a dare alla Banca e al Gruppo Unicredit stimoli e proposte per nuove idee, nuovi progetti, nuovi strumenti per la comunità regionale, per le imprese e per il territorio tutto. Una regione, la nostra, ricca, generosa e dinamica, ma sempre bisognosa di sostegno e credito, oggi ancor di più, per accompagnare la ripresa e la ricerca, per favorire gli investimenti. Nel Consiglio di Territorio convergono grandi imprenditori, rappresentanti dell’università e della società civile per veicolare alla Banca le istanze e i bisogni reali degli uomini, delle imprese e della comunità regionale. Un onore farne parte e coordinarne i lavori».Fanno parte del Consiglio Gianni Andalò, titolare della Andalò Gianni Srl di Imola; Stefano Bernacci, direttore Servizi Confartigianato Cesena; Stefano Cassani, titolare Plastic Sort di Imola; Massimo Cavazza di Confindustria Piccole Imprese di Bologna; Ivo Cremonini, presidente Confcooperative Bologna; Alessandro Giorgetti, presidente Albergatori Emilia Romagna – Rimini; Stefano Landi, presidente dell’azienda Landi Renzo di Reggio Emilia; Daniela Magni, responsabile Divisione politiche della competitività e del Made in Italy Cna – Emilia Romagna; Enzo Malanca, direttore Confcommercio Parma; Piermaria Mantelli, Ad Emmepi Grandi Cucine Srl – Piacenza; Franco Mosconi, docente di Economia industriale all’Università di Parma; Lucio Nardi, responsabile economico-finanziario Lega Coop Bologna; Alfonso Panzani, presidente Gruppo Ceramiche Ricchetti – Reggio Emilia; Laura Ramaciotti; professoressa associata di Economia applicata all’Università di Ferrara; Renzo Righini, presidente Api Ravenna; Maurizio Sobrero, professore sl Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna; Andrea Tampieri, presidente Tampieri Financial Group di Faenza; Maurizio Torreggiani, presidente CCIAA Modena.I filoni tematici su cui il Consiglio di Territorio Emilia Romagna di Unicredit cercherà di concentrare i suoi interventi e le sue iniziative sono internazionalizzazione, export e made in Italy, modernizzazione infrastrutturale del territorio, sviluppo di distretti ed evoluzione di filiere e reti d’impresa, turismo e agroalimentare. Si punterà inoltre sull’attenzione alla nuova imprenditoria e all’innovazione, sull’educazione finanziaria, sul supporto a settori, aziende e famiglie in difficoltà e sulla green economy.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet