SPINNER 2013- DIECI PROGETTI IN GARA PER DIVENTARE IMPRESA


BOLOGNA 25 OTTOBRE Pontili elettrici che convertono il moto ondoso in energia elettrica, kit di esche in bioplastica per verificare la presenza di funghi cancerogeni nella catena agroalimentare, sistemi che misurano le deformazioni dei terreni franosi, un almanacco sportivo digitale integrato a un social network. Sono solo alcuni delle dieci promettenti idee imprenditoriali selezionate per la fase finale della Start Cup – Spinner 2013 Emilia-Romagna, edizione 2012. I tre progetti migliori verranno premiati giovedì 25 ottobre a Bologna nella Sala dei Cento della Cassa di Risparmio (via Farini 22).Start Cup – Spinner 2013 Emilia-Romagna si rivolge a persone o gruppi che vogliono sviluppare idee imprenditoriali ad alto contenuto di conoscenza, anche per favorire la nascita di start up innovative. L’edizione 2012 è sostenuta anche da Carisbo e da tre aziende – Sacmi, Saes Getters e Coop Italia – che entreranno anche a far parte del comitato valutatore della competizione 2013, per rafforzare il proprio sostegno all’innovazione e lanciare un segnale importante all’intero tessuto produttivo regionale. La giornata sarà moderata da Piero Ingrosso, giornalista del Corriere di Bologna. Dopo i saluti del direttore generale di Carisbo Giuseppe Pallotta alle 10,15 è prevista la Elevator Pitch Session, durante la quale i gruppi di impresa racconteranno il loro progetto attraverso un presentazione di 5 minuti rispondendo alle domande del pubblico e della giuria e che costituirà l’ultima fase di valutazione della competizione. Al termine della pitch session, il nucleo di valutazione dei progetti si riunirà per eleggere i tre finalisti che parteciperanno al Pni. Stem SelIl progetto si basa su una tecnologia brevettata per la selezione di cellule staminali. Duplice l’obiettivo: portare a livello ready-to-market la tecnologia innovativa e consentirne lo sfruttamento industriale nel mercato della terapia cellulare, attualmente in forte espansione ma sofferente per la mancanza di tecnologie adatte. Il prodotto, chiamato “Celector”, risponde a queste esigenze mentre l’analisi go-to-market dimostra la sua competitività nel mercato di riferimento. Insulina in polvere per somministrazione inalatoriaProgetto per la preparazione e lo sviluppo di una polvere di insulina da utilizzare per la somministrazione polmonare del farmaco. L’obiettivo è sostituire la somministrazione iniettiva per il trattamento del diabete e la somministrazione per via nasale per il trattamento di malattie neurodegenerative. SuperfoodCreazione di un’azienda per la produzione e la commercializzazione di alimenti funzionali innovativi che uniscano un elevato valore dietetico e nutrizionale a un’eccellente qualità enogastronomica. Advanced Slope Engineering (Ase)Un’idea di impresa per produrre e commercializzare il sistema di monitoraggio dei versanti Mum. Il sistema misura le deformazioni del sottosuolo dei terreni franosi, offrendo vantaggi in termini di prestazioni, durata, perdonale e costi rispetto al sistema tradizionale. Con Mum la misurazione degli spostamenti è automatica, tramite terminali isolati e collegati tramite un cavo aderente al terreno e collegato a una centralina consultabile da remoto. Il sistema è brevettato in Italia e sul brevetto è stata presentata l’estensione internazionale. AkkutrackProgetto per la produzione e la commercializzazione di strumenti di misura nel campo solare fotovoltaico a concentrazione. Grazie a un approccio innovativo questi strumenti rendono più efficiente un sistema a concentrazione aumentandone la produzione energetica e di conseguenza la redditività economica. Alma PlasmaSviluppo, produzione e commercializzazione di soluzioni avanzate nel campo dei plasmi termini e non termici a pressione atmosferica per il trattamento di materiali e tessuti, con particolare attenzione alle loro applicazioni in campo biomedicale. L’approccio è integrato, andando dalla progettazione e caratterizzazione della sorgente allo studio e ottimizzazione dell’interazione tra plasma e sostrato (biologico e non). Bit4energyBiochemistry, innovazione and technology for energy in Emilia-Romagna vuole offrire un servizio di progettazione di impianti di pre-trattamento, ad opera di ceppi selezionati di funghi ligninolitici, delle componenti ligno-cellulosiche di rifiuti agro-industriali. L’obiettivo è valorizzare biomasse finora scarsamente utilizzabili negli impianti per la produzione di biogas e biometano. E-pierProgetto di costituzione di uno spin-off universitario per la progettazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili innovative, in particolare dall’energia marina. Gli impianti sono costituiti da pontili elettrici e-pier, ovvero convertitori del moto ondoso in energia elettrica integrati con la struttura portante di un pontile. Double CheckSviluppo di un kit molecolare basato su un sistema innovativo di esche in bioplastica per monitorare la presenza di funghi aflatossigeni lungo l’intera filiera agroalimentare. Le aflatossine sono sostanze cancerogene molto pericolose per la salute umana e animale. Il progetto risponde alle esigenze di sicurezza delle produzioni agroalimentari ed è prodotto con materiali biodegradabili. Spinner 2013Spinner 2013 è un’azione del Programma Operativo Regionale (POR) 2007-2013 del Fondo Sociale Europeo (FSE), Asse IV Capitale Umano, Obiettivo 2 “Competitività regionale e Occupazione” promossa dall’Assessorato Scuola, Formazione professionale, Università e ricerca, Lavoro della Regione Emilia-Romagna. Il suo obiettivo è preparare i giovani negli ambiti della ricerca e dell’innovazione tecnologica e valorizzare la persona come centro dei processi di innovazione, in collaborazione con le università e le imprese, che possono così trovare risorse umane adeguate a sostenerne gli sforzi competitivi. L’offerta di agevolazioni finanziarie, servizi e opportunità viene erogata attraverso il supporto degli Spinner Point, sportelli localizzati presso gli atenei e i centri di ricerca. Cinque le aree di attività nelle quali si articola l’offerta Spinner: idee imprenditoriali innovative; ricerca industriale e trasferimento tecnologico; innovazione organizzativa e manageriale; riprogrammazione professionale attraverso progetti d’innovazione in impresa; dottorati di ricerca.
/

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet