PARMIGIANO REGGIANO- UN 2011 RICCO DI NOVITA’


BOLOGNA 25B GENNAIO Per la prima volta dopo un quarto di secolo tornano le contrattazioni sulla produzione futura di Parmigiano Reggiano. Lo ha annunciato il presidente del Consorzio di tutela, Giuseppe Alai, a Bologna in cui ha presentato il consuntivo 2010 e le propsettive per il 2011.«Era dal 1984 – ha detto – che che non venivano fatte contrattazioni sul latte ancora da mungere. Già in questo inizio 2011 ci sono prenotazioni del prodotto fino a metà anno». Si tratta di un trend positivo, è stato spiegato, determinato dall’aumento del 12% delle esportazioni accompagnato dal ritiro da parte dell’Agea (agenzia per le erogazioni in agricoltura) di 88mila forme di Parmigiano nel 2009 e 34mila nel 2010, accompagnate dal ritiro di formaggio anche da parte del consorzio. In questo modo in due anni sono state tolte dal mercato nazionale quasi 300 mila forme, cosicché a novembre scorso le giacenze di Parmigiano Reggiano erano diminuite del 13,3%, mentre i prezzi sono aumentati del 19% sul 2009 e del 23,5% sul 2008. Per il 2011, Alai ha stimato una stabilizzazione dei prezzi attorno al 10,50/11 euro al chilo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet