ANCORA SHOPPING ALL’ESTERO PER LA BOLOGNESE CRIF


BOLOGNA 24 DICEMBRE La bolognese Crif ha chiuso il 2012 con l’ennesima acquisizione di un piano che la porta a diventare una vera multinazionale specializzata nei dati sul rischio creditizio. Crif ha ha rilevato un gruppo societario turco, con sede a Istanbul, costituito da Dun & Bradstreet Turkey, Finar e Kompass Turkey. Le società rilevate forniscono servizi alla business community turca tramite un database di 1,2 milioni di imprese che consente anche l’accesso al Dun & Bradstreet worldwide network.
L’acquisizione consolida Crif nel business delle informazioni creditizie e commerciali e delle soluzioni per la gestione del rischio. Crif lè ora presente con proprie unità operative o partnership in quattro continenti e in una quarantina di Paesi, compresi Stati Uniti, Cina e Russia.
Crif fa capo per l’88% a Cribis holding (riconducibile a Gherardi), per il 5,1% a Bnl e per il 2,6% a Deutsche Bank. Oggi nel mondo 1.900 banche, 25mila società finanziarie e 25mila imprese utilizzano i servizi della multinazionale bolognese. Quest’anno il fatturato dovrebbe arrivare a sfiorare i 285 milioni, con significativi investimenti in sviluppo e innovazione. Nel 2011 i ricavi consolidati del gruppo (che ha 1.500 addetti) sono stati di 255 milioni, un Mol di 69 milioni e un utile netto di 21,5 milioni. L’anno scorso ha investito 118,7 milioni in R&S su nuovi prodotti. La società aveva una posizione finanziaria netta di 140 milioni ma un patrimonio di un centinaio di milioni. Crif continua a produrre molta cassa e sembra in grado di sostenere una politica di acquisizioni anche nel 2013.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet