UNIONCAMERE E/R Nuove prospettive di collaborazione con l’Emilia-Romagna. A marzo missione in entrata di buyer indiani


BOLOGNA 24 GENNAIO Una più stretta cooperazione tra le imprese emiliano-romagnole eccellenti nelle produzioni alimentari, della meccanica agricola e strumentale, della green economy, dotate di un elevato livello di expertise, know-how e innovazione tecnologica con le piccole e medie imprese indiane che stanno cercando di modernizzare rapidamente e meccanizzare il settore agricolo e industriale. E’ l’obiettivo del Memorandum of Understanding (MoU) con la PHD Chamber of Commerce e la Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry firmato a Chandigarh, in Punjab, all’interno della missione imprenditoriale che ha portato sedici aziende emiliano-romagnole, soprattutto del packaging e della meccanica, hanno effettuato incontri d’affari e visite aziendali a Mumbai, Chandigarh, Bangalore e Delhi.La missione è stato il secondo momento di un programma triennale focalizzato su specifici settori (filiera arredamento e abitare-costruire, tecnologie ambientali, meccanica ed agroindustria) avviato in ottobre con una serie di “giornate paese” di presentazione nelle Camere di commercio e organizzato secondo precisi step, in modo da fornire le “chiavi giuste” per fare business in India.Nel 2012 sono previste due missioni incoming di 27 buyer indiani nei mesi di marzo e giugno, ed altrettante iniziative imprenditoriali in India.Il protocollo operativo, siglato da Andrea Zanlari, in rappresentanza del sistema camerale, R. S. Sachdeva, (co-chairman of Punjab Committee, PHD Chamber of Commerce & Industry) e Diljeet Titus (chairman IICCI Northern Region Committee) a Chandigar, prevede l’impegno a realizzare attività per promuovere la cooperazione tra PMI attraverso missioni imprenditoriali, seminari di approfondimento su opportunità d’affari e contesto commerciale dei mercati.Contestualmente, la Regione Emilia-Romagna ha firmato una lettera di intenti con lo Stato Indiano del Punjab, per favorire la cooperazione industriale tra i due territori nei settori della green economy, agroindustria e trasferimento tecnologico.A dimostrazione dell’impegno e del sostegno istituzionale offerto alla cooperazione bilaterale tra Punjab e Emilia-Romagna, alla firma dei protocolli erano presenti l’Ambasciatore Giacomo Sanfelice di Monteforte, ed una delegazione dell’Unione Interparlamentare, guidata dall’onorevole Sandro Gozi, romagnolo, presidente dell’Associazione Italia-India.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet