SACA: 40 ANNI VISSUTI CON…” TRASPORTO “


BOLOGNA 23 NOVEMBRE . Attenzione all’ambiente e al territorio: sono questi alcuni dei principali pilastri su cui si basa il successo della SACA, la cooperativa bolognese, aderente a Confcooperative, leader nel settore del trasporto delle persone e delle merci. “Nata nel 1972 come realtà specializzata nei servizi di autonoleggio con conducente – sottolinea il presidente Daniele Passini – grazie agli importanti investimenti realizzati in questi 40 anni ed al costante impegno nell’innovazione SACA ha saputo raggiungere traguardi di eccellenza che l’hanno collocata al top in Emilia Romagna ma anche in altre regioni”.Una azienda estremamente dinamica che nel 1982 ha ampliato il proprio raggio d’azione affiancando al servizio di noleggio di autovetture con autista anche il noleggio di scuolabus e pullman turistici, assicurando il collegamento fra alcuni centri strategici, gli aeroporti e le stazioni ferroviarie. Nel 1994, poi, SACA ha iniziato l’avventura del trasporto pubblico locale (TPL) arrivando ad erogare servizi per oltre 10 milioni di chilometri l’anno.“In questo scenario – prosegue Passini – l’intermodalità ha rappresentato uno dei ‘motori’ più importanti per lo sviluppo della nostra cooperativa che ha sedi a Bologna, Modena, Reggio Emilia e numerosi depositi situati in zone diverse del territorio regionale”. “I brillanti risultati di questi anni – ricorda il presidente Passini – sono stati raggiunti grazie ad un servizio di logistica e trasporto all’avanguardia in cui le marginalità sono state regolarmente reinvestite per rispondere sempre meglio ad un mercato difficile ed in costante evoluzione. In questo modo SACA non ha soltanto perseguito una finalità commerciale, ma ha anche svolto un importante ruolo sociale che, più in generale, si collega alla filosofia aziendale da sempre basata sulla sostenibilità”. L’azione della cooperativa bolognese si caratterizza infatti per la grande attenzione alla salvaguardia dell’ambiente testimoniata, tra l’altro, dall’utilizzo di numerosi mezzi “ecologici” e dall’adozione di moderni sistemi di produzione di energia pulita con impianti fotovoltaici in grado di assolvere alle esigenze energetiche degli uffici, ma anche dei veicoli elettrici in dotazione alla cooperativa. “Veicoli – conclude Passini – utilizzati anche per un progetto pilota avviato negli ultimi anni dalla SACA per ridurre i tempi di consegna e l’impatto ambientale: mi riferisco a “tr@nsitpoint”, il servizio di trasporto merci e logistica che permette ai camion di collocare i propri carichi in depositi situati fuori dal centro urbano di Bologna dove alcuni professionisti li prendono in consegna, diversificandoli in base ai tragitti ed alle diverse zone urbane e recapitandoli al domicilio desiderato arrivando a ben 100.000 consegne/anno”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet