bo 21 //7/2011 Valsoia: compie 20 anni e apre 1 temporary store


bologna 21 luglio Valsoia compie vent’anni e li festeggia aprendo il primo temporary store di alimenti salutistici, alla stazione Porta Nuova di Torino. Nello spazio appositamente allestito fino all’11 settembre sarà possibile degustare un’ampia gamma dei prodotti dell’azienda bolognese, leader nel settore degli alimenti vegetali a base di soia, tutti al costo promozionale di 1 euro. Il temporary store nasce per rispondere ad una vera e propria passione degli italiani per i cibi salutistici tra cui i prodotti a base di soia. Si tratta, dunque, di 3 milioni di famiglie (13% del totale) che in Italia consumano prodotti come latte di soia, alternative vegetali allo yogurt, dessert e – soprattutto in questi mesi estivi – gelati: un mercato che ha conosciuto una crescita superiore al +50% negli ultimi 3 anni (fonte: Nielsen, gennaio 2011)

Uno spazio di 30 mq allestito nel cuore della principale stazione del capoluogo piemontese, che in poco meno di un mese dalla sua apertura ha riscosso uno straordinario successo, con centinai di prodotti degustati ogni giorno. Situato in corrispondenza dei binari del Freccia Rossa, dalle 8 alle 20, 7 giorni su 7, è possibile degustare i gelati (coni, stecchi, sandwich), l’alternativa vegetale allo yogurt (Fragola, Mora, Bianco, Fibre Ciliegia), il dessert (Creme e Creme Ciocccolato), le bevande (orzo malto e calcio) e gli snack (Chips e Snack Nocciola).

Ma come mai oltre 3 milioni di famiglie scelgono per la loro alimentazione prodotti a base di soia? E perché tra questi ci sono soprattutto i più attenti al proprio benessere psico-fisico?

La pianta della soia possiede la più alta concentrazione di proteine (37 proteine per 100 gr.) cosiddette “buone”, ovvero facilmente assimilabili e digeribili dall’organismo umano, e nello stesso tempo tali da poter competere con le proteine animali presenti nella carne, nelle uova o nel latte. Ma le proteine della soia ricoprono anche un’altra importantissima funzione: riducono infatti la sintesi del colesterolo a livello del fegato riducendo l’assorbimento di colesterolo e grassi saturi da parte del nostro organismo.

I prodotti a base di soia hanno inoltre un contenuto di grassi inferiore ai prodotti a base di proteine di origine animale: basti pensare, ad esempio, che un gelato di soia ha circa il 30% di grassi in meno rispetto a quelli di un gelato tradizionale corrispondente.

“Questo si traduce – spiega il dott. Roberto Volpe, ricercatore del CNR – in una riduzione del rischio per le malattie cardiovascolari”. In effetti, quando il colesterolo è presente in quantità eccessive (ipercolesterolemia) nell’organismo umano tende ad accumularsi nelle arterie ispessendole fino ad ostacolare la circolazione sanguigna: questo stato di cose può successivamente portare alla comparsa di infarto del miocardio o di ictus celebrale. “Per questa ragione – prosegue Roberto Volpe – il colesterolo alto non vai mai sottovalutato e va tenuto costantemente sotto controllo tramite semplici analisi del sangue”. Secondo recenti studi, 1 italiano su 4 ha problemi di colesterolo alto, ma solo una piccola percentuale di loro ne è consapevole perché in pochi si sottopongono regolarmente a controlli ematici di routine.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet