BO 2/4/2012CNA E-R LE IMPRESE EMILIANO ROMAGNOLE INCONTRANO GLI OPERATORI RUSSI A RESTAURO 2012


BOLOGNA 2 APRILE Sono 10 le imprese associate a CNA appartenenti alla filiera del restauro presenti a quella che si riconferma la più qualificata fiera di settore presente in Italia Restauro 2012. Si tratta di artisti del restauro in grado di conservare qualsiasi tipo di superficie dall’elevato valore artistico, decoratori, maestri vetrai, restauratori di materiale fotografico, imprese innovative che utilizzano le tecnologie dell’ICT per riprodurre opere sulle quali il passato e il degrado hanno lasciato segni indelebili.CNA Emilia Romagna, con le Unioni Artistico e Tradizionale e Costruzioni, è al fianco delle imprese della filiera abitare – costruire – restaurare in un momento storico nel quale ormai la parola più ricorrente è crisi. “Una crisi che – come spiega Roberto Franchini, Presidente regionale di CNA Costruzioni – ha il sapore della recessione per le oltre 30.000 imprese artigiane associate a CNA in Emilia Romagna che possono intravvedere solo nei mercati esteri un’ipotesi di rilancio”. Ecco perché CNA ha puntato sulla Federazione Russa ed in particolare sulle regioni di Mosca e S. Pietroburgo, quest’ultima in continua crescita (+ 7% il Pil rispetto al 2011). Obiettivo principale per CNA è stato dunque quello di inaugurare Restauro 2012 all’insegna delle occasioni di collaborazione produttiva e commerciale per le imprese che operano nella filiera abitare – costruire – restaurare, attraverso l’incontro tra imprese dell’Emilia Romagna ed il settore pubblico e privato russo.Molto soddisfatto, Gianoberto Gallieri, restauratore e Presidente nazionale di CNA Artistico e tradizionale che sottolinea l’importanza di un’iniziativa attraverso la quale le imprese della filiera hanno potuto confrontarsi direttamente con operatori estremamente qualificati quali, cinque componenti architetti capo del Gabinetto Centrale di Restauro della Federazione Russa, facente capo al Ministero della Cultura russo, e tre importanti buyers facenti capo ai gruppi Russhouse e Antika style.Nella cornice del Salone ferrarese, un seminario sulle opportunità di collaborazione con la Federazione Russa e una fitta agenda di business meeting che proseguiranno fino al 31 marzo tra operatori russi e imprese emiliano romagnole. In programma anche visite aziendali che consentiranno ai progettisti russi di entrare in contatto con le più qualificate imprese artigiane della nostra regione. “I buyers sono alla costante ricerca di imprese italiane nel campo dell’interior design, dei mobili e dei complementi d’arredo – dice Andrea Santolini, Presidente CNA Artistico dell’Emilia Romagna – e il progetto la “Dolce Vita dell’Emilia Romagna in Russia”, grazie al contributo della Regione Emilia-Romagna si conferma lo strumento migliore per supportare questo settore così importante per il nostro territorio”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet