APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2011 DI NOEMALIFE


BOLOGNA 19 MARZO Il Consiglio di Amministrazione di NoemaLife, riunito sotto la presidenza del Prof. Paolo Toth, ha approvato il progetto di bilancio consolidato e di esercizio della Capogruppo NOEMALIFE al 31 dicembre 2011.Andamento economico e finanziarioL’anno 2011 è stato caratterizzato da una buona crescita del totale dei Ricavi consolidati che si assestano a 48,5 milioni di Euro, in aumento del 13% rispetto all’anno precedente, confermando la tendenza del Gruppo alla crescita, realizzata anche per il tramite di acquisizioni. Tale crescita rappresenta un risultato importante in senso assoluto ed ancora di più in rapporto al mercato di riferimento, costituito da software e servizi nel settore della pubblica amministrazione in Italia, che registra una fase di recessione (il mercato IT nella Pubblica Amministrazione nell’esercizio 2011 ha registrato un calo del 3,8%, dato Sirmi più recente). In particolare, i Ricavi di vendita, pari a 47,2 milioni di Euro, hanno registrato nell’esercizio a livello consolidato una crescita del 14%. Tale aumento è attribuibile alla crescita dell’attività generata dall’avanzamento dei progetti esistenti, all’acquisizione di nuovi contratti e alle acquisizioni effettuate nell’esercizio. La crescita più importante si è avuta sul fronte dei servizi professionali e manutenzioni (+14%) e delle licenze (+10%).Il margine operativo lordo (EBITDA) del Gruppo è pari a 9,1 milioni di Euro in aumento rispetto ai 7,6 milioni di Euro registrati nel 2010. I successi ottenuti nell’esercizio 2011 e la crescita della marginalità hanno risentito dei benefici delle acquisizioni effettuate nel corso dell’esercizio.L’EBIT di Gruppo si assesta a circa 3,4 milioni di Euro, in linea con il 2010.L’Utile Netto consolidato dell’esercizio si attesta a circa 1,4 milioni di Euro, in crescita rispetto all’utile del 2010 (era pari a 1 milione di Euro). Il tax rate consolidato è del 26% in calo rispetto all’esercizio precedente, per effetto dei minori profitti generati in Italia, con imposizione fiscale più elevata che negli altri Paesi in cui il Gruppo opera, anche se la presenza dell’imposta Irap che colpisce le aziende con alta intensità del fattore lavoro mantiene un’incidenza della fiscalità piuttosto elevata.La Capogruppo NoemaLife S.p.A. ha chiuso il bilancio al 31 dicembre 2011 realizzando un totale dei Ricavi operativi pari a 35,8 milioni di Euro, in riduzione del 3% (37,1 milioni di Euro nell’anno 2010). L’andamento dei Ricavi di vendita della Capogruppo, che hanno registrato una flessione del 2%, è ascrivibile principalmente alla difficile situazione del mercato italiano. Il mercato italiano in cui principalmente opera NoemaLife ha registrato nell’anno 2011 una fase di ulteriore contrazione rispetto ai dati del 2010. Questo si è riflesso in un rallentamento ed un ritardo nella partenza dei nuovi progetti e nell’entrata di nuovi ordini per NoemaLife.Il margine operativo lordo (EBITDA) di NoemaLife S.p.A. si attesta a 5,2 milioni di Euro rispetto ai 6,6 milioni di Euro del 2010.NoemaLife S.p.A. registra una perdita di 1,3 milioni di Euro, rispetto ad un utile di 0,7 milioni di Euro del 2010.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet