Unipol/FonSai: l’ora della verita’


BOLOGNA 18 MAGGIO–Il sottile filo che regge ancora le sorti della prospettata integrazione tra Unipol e Fondiaria-Sai rischia seriamente di spezzarsi.Il cda di FonSai, l’ad Emanuele Erbetta e il dg Piergiorgio Peluso hanno ripresentato ai consiglieri la proposta sui concambi per la fusione gia’ esaminata lunedi’, che fissa al 61,8% la partecipazione del gruppo bolognese nella nuova compagnia. La conferma e’ arrivata dallo stesso Erbetta che ha ribadito: “La proposta portata in consiglio e’ del 61,8% e resta quella. Non c’e’ nessuna mediazione al ribasso”. La posizione del management di FonSai, che in queste settimane molto si e’ speso per raggiungere un accordo, dunque non cambia. Anche perche’ l’ad di Unipol, Carlo Cimbri, che ha gia’ fatto ampie concessioni al vertice di FonSai, accettando una proposta peggioravita per il gruppo bolognese, rispetto a quella iniziale del 66,7%, non sarebbe infatti intenzionato a fare ulteriori aperture. Ô dunque molto probabile che, se oggi i consiglieri di Fondiaria-Sai e in particolare gli indipendenti (il cui parere e’ vincolante trattandosi di un’operazione tra parti correlate) non faranno propria l’ipotesi di mediazione raggiunta la scorsa settimana, il gruppo bolognese possa decidere di sfilarsi, lasciando la compagnia del gruppo Ligresti al suo destino.Ad accrescere l’incertezza avrebbe contribuito, e non poco, il blitz con cui gli uffici della Consob, mentre era in corso il cda di FonSai, sono intervenuti per chiedere informazioni sui lavori propedeutici alla definizione dei concambi. Nella lettera, di cui MF-Milano Finanza ha ottenuto copia, la Consob invita il cda di FonSai a inviarle senza indugio i verbali delle riunioni del comitato degli indipendenti, le minute del cda di ieri, nonche’ le “opinion” degli advisor finanziari e legali. Questa richiesta sarebbe volta a verificare che la decisione del cda sia assunta nel rispetto della disciplina in materia di operazioni con parti correlate e secondo criteri di correttezza contabile.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet