Cefla: 80 anni di cooperazione e socialità a Imola


IMOLA 18 MAGGIO – CEFLA ha festeggiato pochi giorni fa gli 80 anni dalla sua fondazione: era il 4 maggio 1932, quando nove persone a Imola diedero vita alla Cooperativa Elettricisti Fontanieri Lattonieri e Affini. La prima iniziativa per celebrare questo anniversario è stata la donazione alla AUSL di Imola di un innovativo impianto di radiologia digitale in 3D, progettato e costruito dalla stessa Cefla, per un valore commerciale attorno ai 200mila Euro. Oggi Cefla è una realtà industriale complessa, con un fatturato consolidato attorno ai 350 milioni di Euro, sedi di produzione in Italia, Europa, Nord-America e Cina, e filiali e uffici in tutto il mondo, per un totale di oltre 1.600 dipendenti. Le attività sono organizzate in 4 aree di business: Cefla Impianti progetta sistemi civili e industriali per il comfort indoor e l’efficienza energetica. Cefla Finishing è il riferimento mondiale per gli impianti di verniciatura e finitura del legno, e ora anche di vetro, plastica e metallo. Cefla Arredamenti realizza scaffalature, banchi cassa, rack integrati e soluzioni d’arredo per i punti vendita della distribuzione moderna. Cefla Dentale è leader europeo dei riuniti (cioè le “poltrone dei dentisti”), con i marchi Anthos, Castellini e Stern Weber e produce anche innovativi sistemi di radiologia Myray e NewTom. Nel corso della conferenza stampa di presentazione della donazione, cui hanno preso parte vari sindaci del circondario, i massimi dirigenti dell’Ausl di Imola e giornalisti della stampa locale e nazionale, il Presidente della Cooperativa Cefla – Giovanni Antonelli – ha spiegato le ragioni e lo spirito con cui il Consiglio di Amministrazione ha deciso questa donazione. “80 anni di storia sono un traguardo notevole – ha dichiarato Antonelli – e di ciò va dato merito ai soci di ieri e di oggi, che hanno lavorato per lo sviluppo della cooperativa e della nostra comunità. C’è un legame forte tra noi e il territorio imolese, che ha sempre condiviso il nostro percorso imprenditoriale. Questa donazione è quindi anche un segno di riconoscenza.””Oggi, come nel 1932, l’economia e la società sono in grande crisi – ha continuato Antonelli – tuttavia siamo riusciti a chiudere positivamente il 2011, con il fatturato in aumento del 10%, l’ EBITDA migliorato del 60% e un indebitamento contenuto. La crisi è però profonda, quindi abbiamo deciso di celebrare i nostri 80 anni in modo sobrio, con iniziative che esprimano i nostri valori di mutualità e socialità. La donazione vuole testimoniare questo e sottolineare il rapporto di solidarietà che ci lega al territorio. E’ l’esempio concreto di una comunità che fa innovazione ed internazionalizzazione, coniugandoli con i valori del sociale, il nostro messaggio per il 2012 Anno Internazionale delle Cooperative.” “L’impianto si chiama NewTom5G – ha spiegato Antonelli – ed è una apparecchiatura radiografica prodotta da Cefla Dental Group, basata sulla nuova tecnologia CBCT 3D. Rispetto alla TAC tradizionale, utilizza meno radiazioni sul paziente e può offrire una più alta definizione, grazie alle immagini digitali in 3D.” “Per completare le celebrazioni, – ha concluso Antonelli – a fine settembre, al teatro comunale di Imola si terrà un “Incontro con la Città”, a cui parteciperanno rappresentanti delle istituzioni locali, delle imprese e del movimento cooperativo. “Si tratta della donazione più pregiata dell’anno – ha dichiarato la dr.ssa Maria Lazzarato, Direttore Generale dell’Ausl di Imola –. Grazie a questo impianto di Cefla, aumenteremo la qualità della diagnostica e ridurremo i tempi di attesa dei pazienti, migliorando così il servizio ai cittadini. L’apparecchiatura sarà utilizzata inizialmente nei reparti di odontoiatria e di otorinolaringoiatria.” Il Sindaco di Imola, Daniele Manca, ha sottolineato che “Cefla è una parte importante dell’identità della nostra città e questa donazione è un gesto in cui ritroviamo i valori della comunità e del territorio che dobbiamo difendere, coltivare e affermare.”Erano presenti anche il Sindaco di Castel San Pietro Terme – Sara Brunori – e il Sindaco di Medicina – Onelio Rambaldi – comuni che fanno parte del circondario di Imola – i quali hanno rimarcato “l’importanza del rapporto col territorio e con la comunità, che molto ha dato a Cefla e a cui Cefla molto restituisce”, sottolineando che “lo slogan “Le Radici del Futuro”, coniato da Cefla per questo anniversario, ben rappresenta come il seme gettato 80 anni fa abbia dato proficui frutti e possa fare sperare ancora nel domani.” “NewTom5G – ha spiegato l’ing. Claudiano Tagliareni, Direttore Commerciale del brand di Cefla – è un apparecchio che combina il meglio della tomografia (la classica TAC) e della radiologia (i classici “raggi”) tradizionali, grazie alla tecnologia digitale CBCT 3D (Cone Beam Computer Tomography, cioè tomografia computerizzata a raggio conico in 3D), di cui Cefla è pioniere e leader mondiale. NewTom5G fornisce immagini più dettagliate della TAC, quando si investiga un’area limitata con tessuti ossei o cartilaginei. La differenza è che non è il lettino, con sopra il paziente, che si muove (come nella TAC tradizionale), ma invece è il raggio che gira attorno al paziente, ruotando all’interno della macchina, che è una specie di grande ciambella. In questo modo, grazie a un software progettato da Cefla per prima al mondo, il medico ottiene immagini del paziente in 3D in alta definizione, qualunque sia l’angolo di vista desiderato.” Il Direttore della Unità di Radiologia dell’Ausl di Imola, prof. Guido Ferrari, ha sottolineato come il nuovo impianto NewTom5G di Cefla, oltre alle immagini di alta qualità, offra costi inferiori, meno radiazioni sul paziente, bassi consumi energetici, e quindi meno impatto ambientale e più salute in generale. Inoltre, ha evidenziato che darà alla Ausl di Imola la possibilità di dedicare le grandi TAC tradizionali ad altri tipi di indagini diagnostiche, in cui sono più vantaggiose, per esempio nel campo dell’oncologia, con un miglioramento del servizio per i pazienti in lista. Infine, il Direttore della Unità di Otorinolaringoiatria dell’Ausl di Imola, prof. Ignazio Tasca, ha mostrato immagini in 3D di arcate dentali, nasi e orecchie, evidenziando come l’alta definizione di NewTom5G porterà grandi vantaggi clinici nella fase di diagnosi dei vari disturbi, nella preparazione di mappe pre-operatorie per gli interventi chirurgici, e nelle visite di controllo post-operatorie. Questi vantaggi saranno applicati subito in campo odontoiatrico ed otorinolaringoiatrico, e successivamente anche nella cura di mani, piedi, ginocchia e collo e nella ricostruzione maxillo-facciale, grazie anche alla collaborazione accademica e clinica tra la stessa Ausl di Imola e la cooperativa Cefla.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet