Il Bologna è salvo, Consorte se ne va


bologna 18 maggio Giovanni Consorte ha rassegnato le dimissioni da presidente e consigliere di Bologna 2010, società controllante del Bologna Calcio. Dimissioni «per inderogabili motivi professionali e personali», comunicate ai soci con lettera e fragorose, visto che l’ex manager Unipol era stato il protagonista del salvataggio del club, rilevato sull’orlo del fallimento grazie a una cordata. Per sabato mattina, alle 11.30, è stato convocato il Consiglio d’amministrazione che dovrà prendere atto della decisione e nominare un nuovo Presidente.Consorte fa sapere che non rilascerà dichiarazioni fino al 25 maggio, quando si terrà in Corte Isolani la conferenza stampa, già programmata, per presentare lo stato dei conti del Bologna.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet