Datalogic incontra il Sindaco di Bologna Virginio Merola in visita presso lo stabilimento di Monte San Pietro


bologna 18 aprile Il Presidente e AD di Datalogic Ing. Romano Volta, Gian Paolo Fedrigo (Amministratore Delegato Datalogic Automation Srl), Valentina Volta (Amministratore Delegato Business Development Division) e altri manager Datalogic hanno incontrato oggi presso lo stabilimento di Monte San Pietro, il Sindaco di Bologna Virginio Merola, accompagnato da Andrea Ruggeri, componente del suo staff, e da Castore Arata, Responsabile di Gabinetto. Il Sindaco di Bologna ha potuto così conoscere e apprezzare le attività di Ricerca&Sviluppo e di produzione svolte dall’azienda leader nel mercato dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale. A Monte San Pietro opera la divisione dedicata alle soluzioni Industrial Automation, un settore dove Datalogic ricopre una posizione da leader con una quota di mercato pari al 33% (segmento degli Industrial Bar Code Scanners). Nello stabilimento visitato è operativo inoltre uno dei 12 Centri di Ricerca presenti in Italia e nel mondo. Il Sindaco di Bologna, nel suo intervento, si è soffermato sul futuro della città metropolitana e sul rapporto col mondo produttivo del territorio e dell’impresa. Con prodotti e soluzioni innovativi utilizzati in oltre un terzo dei supermercati e dei punti di vendita nel mondo, in un terzo degli aeroporti, dei servizi postali e di spedizione, Datalogic è una realtà unica in grado di offrire soluzioni che semplificano e migliorano la vita quotidiana; offre ai propri Clienti una vasta gamma di applicazioni rivolte ai settori della grande distribuzione, dei trasporti e della logistica, dell’industria manifatturiera e della sanità. Primati e riconoscimenti che partono dal primo lettore di codici a barre per la cassa di un supermercato nel 1974, il primo scanner industriale nel 1978, oppure la prima applicazione in Europa di uno scanner per gli aeroporti (avvenuta a Milano, Linate nel 1984) e testimoniano la vocazione costante all’innovazione e alla sperimentazione, la stessa passione che mosse l’ingegnere Romano Volta, fondatore di Datalogic, a costruire una storia di successi che dura da 40 anni, anniversario celebrato proprio nel 2012. Il frutto di questa passione è rappresentato da oltre 1.000 brevetti con importanti investimenti in Ricerca e Sviluppo: da sempre focalizzati sulla ricerca come motore del business, Datalogic investe abitualmente circa il 7% del fatturato in R&D e ha creato la divisione IP Tech (Intellectual Property & Technology), piattaforma globale di ricerca tecnologica.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet