Conad apre nuovi store in quattro grandi stazioni ferroviarie italiane


bologna 17 dicembreConad apre quattro innovativi store a insegna Sapori&Dintorni in altrettante stazioni ferroviarie, luoghi di vita, attività e incontro di un gran numero di cittadini e viaggiatori.Entro la fine di giugno 2013, nella galleria commerciale delle stazioni ferroviarie di Milano Centrale, Firenze Santa Maria Novella, Roma Termini e Napoli Centrale, Conad realizzerà quattro punti di vendita con una superficie di vendita tra gli 800 e i 1.000 mq, nei quali troveranno lavoro 100 nuovi occupati.Dimensioni importanti, che consentono di presentare al meglio un assortimento ampio per una spesa alimentare di qualità: oltre 4 mila prodotti, tutti i prodotti della linea Sapori&Dintorni e 500 eccellenze alimentari locali. Store ispirati ai due aperti nel 2010 a Firenze, molto apprezzati per laposizione e la qualità delle proposte, caratterizzati da performance ottime, con una redditività di oltre di 20 mila euro/mq – ai vertici della grande distribuzione italiana –, un flusso di persone molto elevato e laprevalenza di vendita di prodotti freschi (65 per cento).I potenziali clienti sono gli utilizzatori del treno e della metropolitana, i residenti nell’area delle stazioni ferroviarie e tutti i lavoratori che gravitano all’interno e nelle aree cittadine limitrofe.Nei quattro nuovi store Sapori&Dintorni, accompagnati dal claim “Il supermercato da gustare e degustare”, sarà possibile non solo fare una spesa completa e di qualità, ma anche consumare, in spazi allestiti e arredati a tale fine, i prodotti in vendita. Per Conad si tratta di un progetto di sistema, al quale concorrono tre delle otto cooperative associate. Il format, l’ambientazione, la comunicazione e l’assortimento sono espressione di un progetto nazionale, ma in ognuno dei quattro punti di vendita sarà possibile acquistare anche i migliori prodotti tipici locali.Tale investimento riconosce ragioni radicate, che vedono Conad impegnato a sviluppare una rete di vendita all’altezza delle esigenze di un cliente che cambia e chiede servizi, qualità, convenienza. Ma che è anche risposta concreta ai produttori del tipico regionale italiano – spesso piccoli e medi – capaci di unagamma di prodotti di eccellenza. La realizzazione dei quattro nuovi store è frutto dell’accordo raggiunto con Grandi Stazioni spa, la società di servizi del gruppo Ferrovie dello Stato incaricata di riqualificare e gestire le 13 maggiori stazioni ferroviarie italiane, finalizzato a creare anche i presupposti per ampliare e sviluppare ulteriormente questo network.“E’ un’occasione importante per soddisfare in modo concreto la domanda di acquisti di qualità anche in luoghi che comportano spostamenti di massa come le stazioni ferroviarie e contribuire in modo distintivo alla riqualificazione di spazi urbani che devono vivere anche oltre la funzione per cui sono stati creati”,sottolinea il direttore generale di Conad Francesco Pugliese. “Una bella vetrina per valorizzare l’eccellenza alimentare italiana e regionale, visti i 600 milioni di passeggeri in transito e l’alto numero di turisti che quotidianamente visitano queste città d’arte. Conad ha saputo dare vita ad un format dedicatoespressamente a sostenere le produzioni tipiche regionali di qualità, interpretando al meglio il concetto di vicinato e fornendo risposta alle esigenze di consumo di un cliente in continua evoluzione”.“Grandi Stazioni è una realtà già molto affermata nell’ambito Retail – afferma l’amministratore delegato di Grandi Stazioni Fabio Battaggia –: offre ad oggi circa 90.000 mq totali dedicati alla vendita e ospita più di 400 punti vendita. L’intesa con Conad per il nuovo format “Sapori&Dintorni” conferma la nostra scelta di puntare ad un mix di prodotti e servizi di qualità per soddisfare anche la clientela più esigente”.Il format Sapori&Dintorni è molto flessibile e si presta all’integrazione con un’altra eccellenza Conad, la Cremeria, che, con il medesimo spirito, consente di degustare il migliore gelato italiano espressione della tradizione artigianale dei maestri gelatieri.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet