Presentata a Bologna l’edizione 2013 di Cersaie


BOLOGNA 16 SETTEMBRE E’ stata presentata, presso il “Camplus Bononia” di Bologna, la 31°edizione di Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno, in programma al quartiere fieristico di Bologna dal 23 al 27 settembre. Alla tradizionale conferenza stampa di presentazione erano presenti Vittorio Borelli, presidente di Confindustria Ceramica, il presidente di BolognaFiere Duccio Campagnoli, Paola Marella, testimonial di “Cersaie Disegna la tua Casa”, Valerio Castelli, curatore di Bologna Water Design e l’Sssessore Regionale alle Attività Produttive Gian Carlo Muzzarelli“La scelta di questa location – ha esordito il presidente di Confindustria Ceramica Vittorio Borelli – è dovuta a un duplice motivo: innanzitutto si tratta di una scuola di alta formazione per i giovani, verso i quali il mondo ceramico pone sempre molta attenzione per competere nei mercati mondiali. In secondo luogo, in questa struttura vi è un ampio uso di ceramica che dimostra come l’utilizzo di questi rivestimenti possa essere pressoché infinito”.Per quanto riguarda la fiera, Vittorio Borelli ha ricordato i numeri dell’edizione 2013: “Si registra anche quest’anno la copertura di ben 166mila metri quadrati di spazio espositivo, dove sono presenti 898 espositori, di cui 302 stranieri, provenienti da 35 diverse nazioni. Ci attendiamo come sempre una partecipazione che spazia dal trade internazionale di alto livello, alle imprese di costruzioni e ai grandi studi di architettura”.“Di alto profilo gli ospiti di “Costruire Abitare Pensare” – ha continuato Vittorio Borelli – il programma culturale che dal 2009 arricchisce Cersaie con incontri e conferenze sulla progettazione contemporanea e sulle più attuali tendenze del design e dell’architettura. Anche quest’anno protagonisti di primo piano da tutto il mondo, quali il premio Pritzker Rafael Moneo, Antón García-Abril, il giovane designer francese Ito Morabito, e Riccardo Dalisi che parlerà ai giovani. Ampio spazio, infine, è dedicato al mondo dei posatori, con La Città della Posa (presso il padiglione 34) e con il convegno dei posatori europei “Come aumentare la quota di consumo delle piastrelle di ceramica in Europa”.“Sarà una fiera di successo – ha detto Duccio Campagnoli, presidente di BolognaFiere – proprio perché l’industria ceramica italiana ha saputo rispondere alla crisi con una grande capacità di innovazione e presenza costante sui mercati internazionali. Uno dei filoni più importanti è quello dello sviluppo sostenibile verso il quale BolognaFiere guarda sempre con molta attenzione e il Cersaie è la perfetta dimostrazione di come questo settore sia l’esempio del miglior costruire”.“Sono molto orgogliosa di essere madrina di “Cersaie Disegna la Tua Casa” – dichiara Paola Marella, conduttrice televisiva – perché la partnership con Cersaie coglie l’importanza di fornire consulenza gratuita ai privati, volta ad illustrare come sia possibile ristrutturare la propria casa con costi contenuti e senza grossi impegni. La ceramica italiana offre una gamma pressoché infinita di varianti, di texture, di colori, di formati, che permettono una scelta infinita di soluzioni estetiche, rendendo possibile a tutti di rimodernare la propria abitazione anche più di una volta”.“Non c’è design senza l’innovazione – sostiene Valerio Castelli di Bologna Water Design, la manifestazione dedicata all’acqua e all’outdoor che coinvolge l’intera città di Bologna – e la nostra manifestazione rappresenta una vetrina importante per illustrare come la progettualità sia la chiave di volta per rilanciare la vivibilità delle nostre città. Vogliamo portare un contributo di idee alla risoluzione dei problemi, soprattutto legati all’acqua: avremo una ventina di giovani progettisti, accanto ad archistar internazionali del calibro di Libeskind, De Lucchi, Cibic senza dimenticare la partecipazione di Philippe Daverio. Il coinvolgimento della città è fondamentale per la buona riuscita dell’iniziativa e quest’anno riutilizzeremo la prestigiosa location dell’Ex Ospedale dei Bastardini”.“Con Cersaie il territorio apre le porte all’eccellenza e all’alta qualità – dichiara l’assessore regionale alle Attività Produttive Giancarlo Muzzarelli – che sono i volani principali per la ripresa economica. Il tessuto produttivo regionale si sta muovendo, lentamente e a macchia di leopardo e le aziende ceramiche hanno tenuto, promuovendo anche investimenti importanti nella direzione della sostenibilità ambientale, della sicurezza, delle norme antisismiche e della riqualificazione dei luoghi pubblici e degli ambienti residenziali. La Regione ha interesse nello stimolo dell’edilizia sia in ambito energetico che nella continuità delle contribuzioni per le ristrutturazioni, così come promuove e sostiene il rapporto e il dialogo con il sistema creditizio”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet