Il Cda di IMA approva il progetto di bilancio 2011


BOLOGNA 16 MARZO Il Consiglio di Amministrazione di IMA S.p.A., leader mondiale nella produzione di macchine automatiche, riunitosi oggi sotto la presidenza di Alberto Vacchi ha approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2011. Il Cda ha inoltre esaminato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2011 che verrà sottoposto all’Assemblea Ordinaria degli Azionisti, convocata per il 27 aprile 2012, in unica convocazione.Il Cda proporrà all’Assemblea la distribuzione di un dividendo di 1 euro per azione, in aumento rispetto all’anno precedente (0,90 euro per azione), da mettersi in pagamento a partire dal 31 maggio 2012 (stacco cedola n. 18 in data 28 maggio 2012), destinando il residuo a riserva di utili. Risultati del Gruppo IMA al 31 dicembre 2011Il Gruppo IMA ha chiuso il 2011 con ricavi netti in forte crescita a 669,2 milioni di euro (+ 33% rispetto ai 503,3 milioni al 31 dicembre 2010). La quota export ha superato il 91%, con ottimi risultati in Cina e India. Il margine operativo lordo (EBITDA) è salito a 91,6 milioni di euro ante oneri non ricorrenti pari a 6,3 milioni di euro (+ 47% rispetto ai 62,3 milioni ante oneri non ricorrenti pari a 2,7 milioni al 31 dicembre 2010). L’utile operativo (EBIT) è salito a 66,5 milioni di euro (+ 53,9% rispetto ai 43,2 milioni nel 2010), il risultato netto di periodo a 29,1 milioni di euro (+ 67,2% rispetto ai 17,4 milioni nel 2010) e il risultato netto del Gruppo a 28 milioni di euro (+ 64,7% rispetto ai 17 milioni nel 2010). Il portafoglio ordini consolidato al 31 dicembre 2011 ha raggiunto i 378,1 milioni di euro, evidenziando una crescita del 34,7% rispetto ai 280,6 milioni al 31 dicembre 2010.Si chiude un esercizio in forte crescita, grazie all’andamento molto positivo delle vendite di macchine automatiche verso i settori di riferimento (farmaceutico e food) e al significativo contributo del Gruppo Sympak Corazza, consolidato da febbraio 2011. Nel periodo febbraio-dicembre 2011 il Gruppo Sympak Corazza ha generato ricavi per 90 milioni di euro, un EBITDA ante componenti non ripetibili pari a 13,2 milioni di euro e un portafoglio ordini pari a 37,1 milioni di euro. Alla data del 31 dicembre 2011 presenta un indebitamento finanziario netto pari a 7,1 milioni di euro. L’indebitamento finanziario netto del Gruppo IMA al 31 dicembre 2011 è di 157,5 milioni di euro (113,5 milioni al 31 dicembre 2010). Il dato risulta in aumento per l’esborso di 63,5 milioni di euro (che include l’assunzione di un debito finanziario pari a 6 milioni di euro) per l’acquisizione del Gruppo Sympak Corazza. I dividendi pagati nel corso del 2011 ammontano a 33,1 milioni di euro. Risultati della Capogruppo IMA S.p.A. al 31 dicembre 2011La Capogruppo IMA S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2011 con ricavi netti pari a 222 milioni di euro (127,4 milioni al 31 dicembre 2010). L’utile operativo (EBIT) è risultato pari a 20,7 milioni di euro (9,1 milioni nel 2010) e il risultato netto di periodo a 24 milioni di euro (30,8 milioni nel 2010). L’indebitamento finanziario netto a fine 2011 è risultato pari a 87,1 milioni di euro (98,1 milioni nel 2010). Previsioni del Gruppo IMA per l’esercizio 2012L’elevata consistenza del portafoglio ordini al 31 dicembre 2011, che risulta ben superiore al 50% del fatturato previsto per il 2012, e il buon andamento degli ordinativi nei primi due mesi dell’anno in corso (superiore al 20% a fine febbraio), ci consentono di confermare le previsioni annunciate di un 2012 in ulteriore crescita per IMA, con un rafforzamento nei core business del Gruppo (farmaceutico e food). Per l’esercizio 2012 il Gruppo IMA stima ricavi a circa 700 milioni di euro e un margine operativo lordo (EBITDA) a circa 95 milioni di euro. Nel commentare l’andamento del Gruppo al 31 dicembre 2011 Alberto Vacchi, Presidente e Amministratore Delegato di IMA, ha dichiarato: “l’esercizio si è chiuso con brillanti risultati in tutte le aree di business, confermando la leadership del Gruppo in ambito farmaceutico e la capacità di ampliare la propria presenza in settori strategici, come il packaging alimentare di nicchia. Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti nell’esercizio 2011, il migliore di sempre: abbiamo infatti superato l’annunciato trend di crescita dei ricavi e incrementato gli utili, mantenendo sempre una grande attenzione alle esigenze dei nostri clienti ed investitori. Gli ottimi risultati sono da attribuire all’andamento molto positivo delle vendite di macchine automatiche verso i settori di riferimento (farmaceutico e food). Il Gruppo Sympak Corazza ha apportato un contributo significativo ai risultati consolidati del 2011 sia sul fronte dei ricavi che dell’integrazione produttiva e commerciale con il Gruppo IMA. Guardiamo con fiducia all’anno in corso – ha continuato Alberto Vacchi – grazie al portafoglio ordini che a fine 2011 ha segnato un +34,7% rispetto all’anno precedente e alla presa ordini che nei primi due mesi del 2012 evidenzia una crescita superiore al 20%. Le previsioni per l’anno in corso sono positive, con una crescita stimata sia dei ricavi sia della redditività: nel 2012 puntiamo a consolidare i recenti investimenti nel settore del packaging alimentare di nicchia, che presenta grandi potenzialità, e a rafforzare la leadership nel business farmaceutico. La significativa generazione di cassa prodotta anche nel 2011 ci ha consentito di attuare investimenti ordinari e strategici, aumentando il valore del Gruppo: alla prossima Assemblea sarà proposto un dividendo in aumento rispetto all’anno precedente, con la volontà di premiare gli azionisti che hanno dimostrato fiducia nel nostro percorso di crescita” – ha concluso il Presidente di IMA. Proposta di acquisto e disposizione di azioni proprieAll’Assemblea degli Azionisti, convocata per il 27 aprile 2012, sarà proposto il rinnovo dell’autorizzazione all’acquisto e alla vendita di azioni proprie fino al massimo consentito dalla legge. Il prezzo di acquisto proposto è pari alla media del titolo nei cinque giorni precedenti (+/-10%), mentre quello di vendita sarà almeno pari alla media dei valori di acquisto. Alla data odierna IMA possiede 55.000 azioni proprie.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet