CONAD CRESCE E INVESTE


BOLOGNA 16 DICEMBRE Il gruppo Conad prevede di chiudere il 2010 con un giro d’affari di 9,75 miliardi di euro, in crescita del 5,1% rispetto all’anno precedente, con una quota di mercato del 9,9%. È quanto è emerso da un incontro a Milano con l’amministratore delegato Camillo De Bernardinis e con il direttore generale Franco Pugliese. Il gruppo bolognese ha inoltre annunciato entro il 2013 investimenti per 770 milioni di euro e la creazione di 5.800 posti di lavoro, con l’apertura di 266 nuovi punti vendita. E’ destinato inoltre a proseguire il programma di aperture di negozi «Sapori&Dintorni Conad», sulla scorta dei due punti vendita oggi attivi a Firenze, che potranno essere dislocati anche negli aeroporti delle principali città d’arte italiane. A questo proposito il direttore generale Pugliese ha annunciato «trattative in corso» per un insediamento in un nuovo scalo, senza però precisare in quale città. Escluso per ora un intervento all’estero, dove invece prosegue la ormai decennale collaborazione con la catena francese Leclerc e analoghe iniziative con gli altri partner soci della cooperativa europea Coopernic: Coop Svizzera, Colruyt (Belgio) e Rewe (Austria e Germania) per la commercializzazione di prodotti tipici regionali italiani. Un’operazione che nello scorso mese di settembre è sbarcata ad Hong Kong e nel Sud della Cina, attraverso i punti vendita Park&Shop, e che proseguirà anche nel 2011. Complessivamente le attività legate alla gamma Creazioni d’Italia» e «Sapori&Dintorni Conad» chiuderà il 2010 con un fatturato di 40 milioni di euro, in crescita del 15% rispetto al 2009. «Le nostre politiche commerciali rispondono alle esigenze dei clienti – spiega Pugliese – crescono la marca commerciale e il lancio di nuove linee di prodotto per un’alimentazione naturale e sana. E’ indispensabile, tuttavia, produrre la massima efficienza, essere capaci di anticipare nuovi modelli di consumo. Spingiamo sulla marca commerciale e sulla linea premium Sapori&Dintorn: vogliamo emergere da una certa omogeneità».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet