buono il budget 2012 di CAMST


bologna 15 marzo A Bologna Camst ha presentto il Budget di previsione 2012.Nonostante uno scenario economico non troppo confortante, Camst si pone degli obiettivi ambiziosi, come l’incremento di fatturato del 3,1%, attestandosi sui 422 milioni di euro, mentre l’intero gruppo supererà la soglia del miliardo di fatturato, in modo da collocarsi tra le prime aziende italiane di ristorazione.In 12 anni il Gruppo Camst ha quadruplicato il proprio fatturato grazie al successo delle venti società, tra controllate e collegate, e l’importante forza lavoro composta da 11.000 dipendenti.Anche nel 2012 l’obiettivo dell’azienda, in linea con la propria missione aziendale, è quello di non ricorrere a licenziamenti, tutelando così tutti i posti di lavoro.Altro obiettivo è di produrre oltre 70 milioni di pasti e, con l’apertura di 27 nuove attività distribuite in tutte le aree del Centro Nord Italia, verrà sviluppato un fatturato di 11 milioni di euro nei settori della ristorazione scolastica e sanitaria, pubblica e privata.“Vogliamo continuare sulla strada intrapresa dal nostro primo presidente Gustavo Trombetti – ha dichiarato Paolo Genco, Presidente Camst – quando nel 1945 fondò la Camst insieme ad un gruppo di cuochi e camerieri che si ispirarono a due fondamentali principi: il lavoro come forma di riscatto sociale e la qualità del servizio. Questi sono, ieri come oggi, i nostri valori fondanti e in quest’ottica il Gruppo Camst prevede investimenti per ulteriori 21 milioni di euro che consentiranno una sostanziale tenuta sul fronte dell’occupazione e dello sviluppo di fatturato. Ciononostante, il 2012 si annuncia come un periodo di ulteriori andamenti economici recessivi che ci costringono nella scomoda posizione di chi deve conciliare il fronte dei costi, la cui tendenza al rialzo non pare volersi attenuare, con una domanda pubblica e privata pressoché immobile in quasi tutte le aree d’affari”.Da 35 anni il Gruppo Camst realizza utili e sarà positivo anche il risultato netto del 2012 (15 milioni di euro).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet