UNIONCAMERE E-R “Confidi in Emilia-Romagna: una scommessa vincente”


BOLOGNA 14 MAGGIO Il ruolo svolto dai Confidi, in collaborazione con le istituzioni e le associazioni di rappresentanza delle imprese, a sostegno dell’accesso al credito delle PMI è divenuto sempre più indispensabile con il perdurare della crisi economica. Contestualmente all’aumento delle attività di rilascio delle garanzie, è emersa l’esigenza di rafforzare la patrimonializzazione dei Confidi operanti come intermediari finanziari vigilati e di avviare, a un tempo, la costruzione di sinergie intersettoriali, perseguendo economie di scala e di specializzazione.Unioncamere italiana ed Assoconfidi hanno sottoscritto a livello nazionale un “Documento congiunto sulle politiche per l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese” e su questa direttrice è stato attivato in Emilia-Romagna un tavolo di lavoro a carattere operativo tra il sistema camerale e quattro Confidi iscritti all’elenco ex art. 107 del T.U.B (Fidindustria, Cofiter, Cooperfidi Italia, Unifidi).Il convegno “Confidi in Emilia-Romagna: una scommessa vincente”in programma martedì 15 maggio (dalle 9.30 alle 13) nella sede di Unioncamere Emilia-Romagna in viale Aldo Moro, 62 a Bologna, sarà dedicato a una riflessione che prende le mosse dal rendiconto dell’attività svolta nell’ultimo triennio dai quattro Confidi (Fidindustria, Cofiter, Cooperfidi Italia, Unifidi) operanti come intermediari finanziari vigilati in Emilia-Romagna a fronte dei finanziamenti pubblici ricevuti. Sarà anche analizzato l’impatto della crisi sull’attività dei confidi, che ha tra l’altro determinato un significativo stato di tensione patrimoniale sulle strutture che hanno svolto il maggior volume di attività. Il confronto includerà le prospettive di intervento dei Confidi e delle istituzioni che li appoggiano e le strumentazioni utili a una sempre più stringente valutazione dell’efficacia e dell’efficienza delle modalità operative con le quali il sistema dei confidi gestisce i finanziamenti pubblici di diversa provenienza e li trasferisce alle imprese in termini di garanzie rilasciate.Tra i relatori, da segnalare il presidente nazionale Unioncamere Ferruccio Dardanello, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, il presidente di Unioncamere regionale, Carlo Alberto Roncarati ed il professor Lorenzo Gai, docente di Economia all’Università di Firenze oltre ai direttori dei Confidi regionali.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet