IMA ECCO LE STIME SUL 2011


bologna 14 febbraio Il Consiglio di Amministrazione di IMA S.p.A., leader mondiale nella produzione di macchine automatiche per l’industria farmaceutica e del tè, riunitosi oggi sotto la presidenza di Alberto Vacchi ha preso visione delle stime preliminari dei principali dati gestionali dell’esercizio 2010 e dei lineamenti di budget del Gruppo per l’esercizio 2011.I ricavi consolidati preliminari risultano pari a 503,3 milioni di euro (505,8 milioni al 31 dicembre 2009), il margine operativo lordo (EBITDA) a 62,4 milioni di euro ante oneri non ricorrenti pari a 2,7 milioni di euro (85,9 milioni al 31 dicembre 2009) e il portafoglio ordini consolidato a 280,6 milioni di euro, in forte crescita rispetto al dato al 31 dicembre 2009 (210,3 milioni). L’indebitamento finanziario netto preliminare al 31 dicembre 2010 è di 113,5 milioni di euro, in linea rispetto al dato al 31 dicembre 2009 (113,4 milioni di euro) nonostante esborsi netti per acquisizioni pari a circa 15 milioni di euro e dividendi pagati per 30,7 milioni di euro. Alberto Vacchi, Presidente e Amministratore Delegato di IMA, ha così commentato: “Siamo soddisfatti delle stime preliminari di consuntivo 2010, che è stato per il Gruppo un anno di consolidamento in cui abbiamo confermato la solidità e la qualità del nostro business, oltre ad avere gettato le basi per lo sviluppo nel settore del packaging alimentare di nicchia, con importanti investimenti. Guardiamo ora con fiducia al 2011, anno in cui IMA festeggia 50 anni di attività, anche in considerazione dell’ottimo portafoglio ordini che fornisce una buona visibilità sull’anno in corso. Grazie anche all’apporto del neo acquisito Gruppo Sympak Corazza il portafoglio ordini incrementa di ulteriori 40 milioni di euro portando così l’ammontare complessivo a 320 milioni di euro”. I risultati definitivi dell’esercizio 2010 saranno esaminati dal Consiglio di Amministrazione convocato per il 16 marzo 2011. Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre preso visione dei lineamenti di budget del Gruppo per l’esercizio 2011. Sulla base del portafoglio ordini consolidato in forte crescita al 31 dicembre 2010 e del positivo andamento del mese di gennaio, riteniamo di poter guardare con fiducia al 2011 stimando ricavi intorno a 640 milioni di euro e un EBITDA intorno a 92 milioni di euro, evidenziando quindi una crescita sia per linee interne sia grazie agli importanti investimenti nel settore del packaging alimentare di nicchia con la recente acquisizione del Gruppo Sympak Corazza. Il portafoglio ordini per il 2011 risulta, infatti, pari al 50% del fatturato previsto.Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Sergio Marzo, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet